Passa ai contenuti principali

In primo piano

LA REVOCA DELL'IMMUNITA' A MARINE LE PEN AUMENTA LA SUA PROBABILITA' DI VITTORIA

Il Parlamento europeo ha messo a nudo il leader del Fronte Nazionale e deputato europeo Marine Le Pen della sua immunità parlamentare dopo una richiesta dai procuratori francesi.
I pubblici ministeri a Nanterre vogliono sporgere denuncia contro di lei per "la pubblicazione di immagini violente."
Le accuse portano una multa massima di 75.000 euro ($ 79.000) e una condanna a tre anni di carcere.
Le Pen ha solo condiviso le foto raccapriccianti di Daesh (ISIL / ISIS) mentre uccide con i suoi seguaci su Twitter a dicembre 2015.
"Daesh è QUESTO!" Le Pen ha twittato, insieme a foto grafiche delle esecuzioni di Daesh usate per illustrare il suo punto di vista.
Le tre foto hanno mostrato il corpo decapitato del giornalista James Foley e altri due prigionieri.
Le Pen in seguito ha cancellato le foto dopo una denuncia dai genitori di Foley, ma ha difeso le sue azioni, dicendo che non sapeva chi erano le vittime e che le foto erano facilmente reperibili su internet.
E …

FINLANDIA: L'ONDATA DI AGGRESSIONI SESSUALI PORTATE DALLA CRISI MIGRATORIA COSTRINGE LA POPOLAZIONE A ORGANIZZARSI


Secondo il vice capo della polizia di Helsinki prima dell’arrivo in massa dei profughi le autorità non si erano mai trovate ad affrontare così tanti crimini a sfondo sessuale. Le autorità finlandesi sono preoccupate per la sensibile crescita del numero dei crimini sessuali, scrive il “Telegraph”.
Secondo le forze dell’ordine, sono stati registrati numerosi casi di molestie nei confronti delle donne da parte dei profughi in attesa d’asilo durante le vacanze natalizie. In particolare, a titolo di esempio, viene riportato che alla vigilia di Capodanno accadevano le stesse cose avvenute a Colonia.
“Nella storia della Finlandia i reati sessuali sono un nuovo fenomeno. Non avevamo mai affrontato così tanti casi di molestie alla vigilia del nuovo anno,” — ha detto il vice capo della polizia di Helsinki Ilkka Koskimaki. Secondo lui, prima che nel corso del 2015 fossero arrivati 32mila profughi nei parchi e nelle strade della Finlandia non era mai accaduto nulla di simile.
“Io non sono esperto di altre culture, ma mi sono convinto che il modo di pensare insito di alcuni di loro è molto diverso. Alcuni ritengono di avere il diritto di essere aggressivi e di molestare le ragazze per le strade,” — ha detto il funzionario di polizia.
Il primo ministro Sipila però dice no al pattugliamento delle strade da parte 500 volontari dopo i casi di violenze sessuali a opera di rifugiati. Si fanno chiamare “Soldati di Odino”, in onore del Dio supremo dell’antica religione nordica e sono scesi nelle strade di diverse città dopo Capodanno quando a Helsinki si sono verificati tre casi di presunti stupri.
“Solo la polizia è responsabile dell’applicazione della legge, del mantenimento dell’ordine pubblico e della sicurezza dei cittadini. Sia chiaro che queste pattuglie di strada non possono esercitare nessuna autorità” tuona il primo ministro finlandese. Peccato che i fatti dimostrino che la polizia non garantisce sufficiente sicurezza e che forse una presenza dissuasiva per le strade potrebbe essere di aiuto per le donne in difficoltà.


Fonte:http://www.imolaoggi.it/2016/01/13/violenze-sessuali-in-finlandia-pattuglie-di-volontari-in-strada/

Commenti

Post più popolari