IL FUTURO PRESIDENTE AMERICANO CRITICA L'IMMIGRAZIONE IN EUROPA E IL SUO VECCHIO OMOLOGO STATUNITENSE


Donald Trump ha criticato duramente la città di Bruxelles, definendola "un buco infernale" e scatenando, sui social, i cittadini della capitale belga. Nel corso di un'intervista il candidato alle primarie del partito repubblicano ha poi attaccato la mancanza di integrazione nelle città del Vecchio Continente e, più in generale, la politica europea in tema di immigrazione.
"Io sono stato a Bruxelles molto tempo fa, vent'anni fa, ed era una città cosi' bella... Ora è come vivere in un inferno - ha detto il magnate statunitense sottolineando, in particolare, la mancanza di integrazione con la popolazione musulmana.
La reazione: pioggia di tweet - La reazione dei cittadini non si è fatta attendere: su Twitter sono tantissimi i post contenenti pittoresche immagini della loro città, accompagnate dall'hashtag hellhole.
L'attacco a Obama - Il candidato alla Casa Bianca è poi tornato sulla sua proposta di vietare l'ingresso ai musulmani negli Stati Uniti, facendo il paragone con l'Europa dove, così dice, "le regole della legge islamica stanno prendendo sempre più piede: Vai a Bruxelles, vai a Parigi, c'è qualcosa che sta accadendo e non è un qualcosa di buono".
Poi l'affondo contro Barack Obama: "Noi abbiamo un presidente che non vuole nemmeno parlare di terrorismo islamico".


Fonte:http://www.tgcom24.mediaset.it/mondo/usa-2016-donald-trump-attacca-l-europa-la-citta-di-bruxelles-un-buco-infernale-_2157072-201602a.shtml

Commenti