Passa ai contenuti principali

In primo piano

LA REVOCA DELL'IMMUNITA' A MARINE LE PEN AUMENTA LA SUA PROBABILITA' DI VITTORIA

Il Parlamento europeo ha messo a nudo il leader del Fronte Nazionale e deputato europeo Marine Le Pen della sua immunità parlamentare dopo una richiesta dai procuratori francesi.
I pubblici ministeri a Nanterre vogliono sporgere denuncia contro di lei per "la pubblicazione di immagini violente."
Le accuse portano una multa massima di 75.000 euro ($ 79.000) e una condanna a tre anni di carcere.
Le Pen ha solo condiviso le foto raccapriccianti di Daesh (ISIL / ISIS) mentre uccide con i suoi seguaci su Twitter a dicembre 2015.
"Daesh è QUESTO!" Le Pen ha twittato, insieme a foto grafiche delle esecuzioni di Daesh usate per illustrare il suo punto di vista.
Le tre foto hanno mostrato il corpo decapitato del giornalista James Foley e altri due prigionieri.
Le Pen in seguito ha cancellato le foto dopo una denuncia dai genitori di Foley, ma ha difeso le sue azioni, dicendo che non sapeva chi erano le vittime e che le foto erano facilmente reperibili su internet.
E …

IL PRESIDENTE TEDESCO SMENTISCE LA MERKEL SULL'ACCOGLIENZA MIGRANTI: ''LIMITARE I PROFUGHI E' ACCETTABILE''.


BERLINO - Alla cancelliera tedesca Angela Merkel capita un guaio dopo l'altro: prima i paesi dell'Est Europa non hanno mosso un dito per aiutare Berlino nel tentativo di accoglienza comunitaria dei migranti. Successivamente i paesi del Nord Europa hanno reintrodotto i controlli, veri e propri blocchi, di frontiera. Ed ora l'Austria ha stabilito un tetto massimo per l'accoglienza dei "profughi".
E tutto questo accade nel centro dell'Europa, scrive l'editorialistaThomas Sigmund sul quotidiano "Handelsblatt".
La decisione di Vienna pesa sulla Cancelliera da diversi punti di vista: il collega cancelliere austriaco Werner Faymann e' sempre stato dalla parte di Angela Merkel e ha difeso la sua linea del "ce la facciamo". Faymann, pero', si e' dovuto piegare alle realta' della crisi migratoria e alle pressioni interne.
Ma cio' che preoccupa ancora di piu' la Cancelliera tedesca e' la prospettiva sempre piu' remota di una soluzione comune alla crisi, che ha portato in Germania oltre un milione di migranti in un anno.
Mentre la Merkel cerca di tenere l'Europa unita di fronte a una crisi che molti vicini imputano alle sue improvvide dichiarazioni improntate all'apertura, gli altri Stati dell'Unione euroepa prendono ognuno la propria strada. Non manca molto, avverte il quotidiano "Handelsblatt", dall'ammissione che il progetto storico di un'Europa unita sia fallito di fronte agli "egoismi", ma si possono anche definire "principi di salvaguardia nazionale" dei singoli Stati della Ue. O ex Ue,forse.
Per questo motivo, il discorso pronunciato dal presidente tedesco Joachim Gauck al forum mondiale dell'economia di Davos assume un significato particolarmente importante. Secondo Gauck, una "limitazione del flusso di profughi e' moralmente accettabile, e sarebbe anzi utile a preservare l'accettazione delle politiche di accoglienza da parte dei cittadini europei".
Parole come veleno, per la Merkel che solo l'estate scorsa spalancò - senza se e senza ma - le frontiere della Germania a un milione di migranti, più del 60% economici e senza diritto d'asilo, secondo le regole Ue.
"Non esiste formula matematica che garantisca il sostegno dell'opinione pubblica all'accoglienza", ha spiegato il presidente tedesco. Venire a capo di misure che limitino il fenomeno migratorio e' anzi secondo Gauck dovere di un governo responsabile.
Che queste parole siano state concordate o meno a Berlino tra l'Ufficio di presidenza e il cancellierato, una cosa e' chiara: dopo le dichiarazioni di Gauck, Merkel non puo' piu' resistere senza un piano B che inverta almeno in parte la linea dell'accoglienza strenuamente difesa sinora.
Ufficialmente, pero', la cancelliera non ha fatto inversione di marcia, non ancora. La decisione di Vienna non ha alcuna influenza sull'obiettivo di trovare una soluzione europea, fa sapere il cancellierato. Ma i funzionari della Merkel stanno sicuramente gia' lavorando ad un progetto che pur evitando il termine "tetto massimo", predisponga all'inizio dei respingimenti al confine tedesco. Tutto il resto, avverte il quotidiano tedesco, sarebbe poco realistico.
Ma quello che più preoccupa, in Germania, è l'alternativa: Angela Merkel ce l'ha? Se il "piano B" non ci fosse o se fosse includente, l'unica soluzione sarebbero le elezioni anticipate che porterebbero a un periodo di estrema turbolenza politica in Germania e soprattutto in Europa. Se cala il sipario su Angela Merkel, assieme cala sulla Ue e sull'euro.

Redazione Milano


Fonte:http://www.ilnord.it/c-4660_IL_PRESIDENTE_TEDESCO_SMENTISCE_LA__MERKEL_SULLACCOGLIENZA_MIGRANTI_LIMITARE_I_PROFUGHI_E_MORALMENTE_ACCETTABILE

Commenti

Post più popolari