Passa ai contenuti principali

In primo piano

LA REVOCA DELL'IMMUNITA' A MARINE LE PEN AUMENTA LA SUA PROBABILITA' DI VITTORIA

Il Parlamento europeo ha messo a nudo il leader del Fronte Nazionale e deputato europeo Marine Le Pen della sua immunità parlamentare dopo una richiesta dai procuratori francesi.
I pubblici ministeri a Nanterre vogliono sporgere denuncia contro di lei per "la pubblicazione di immagini violente."
Le accuse portano una multa massima di 75.000 euro ($ 79.000) e una condanna a tre anni di carcere.
Le Pen ha solo condiviso le foto raccapriccianti di Daesh (ISIL / ISIS) mentre uccide con i suoi seguaci su Twitter a dicembre 2015.
"Daesh è QUESTO!" Le Pen ha twittato, insieme a foto grafiche delle esecuzioni di Daesh usate per illustrare il suo punto di vista.
Le tre foto hanno mostrato il corpo decapitato del giornalista James Foley e altri due prigionieri.
Le Pen in seguito ha cancellato le foto dopo una denuncia dai genitori di Foley, ma ha difeso le sue azioni, dicendo che non sapeva chi erano le vittime e che le foto erano facilmente reperibili su internet.
E …

UNA PROFESSORESSA AMERICANA DISCRIMINA LA SUA STESSA ETNIA


Ali Michael, una professoressa americana della University of Pennsylvania’s (Penn) Graduate School of Education, ha raccontato sulle pagine dell'Huffington Post la sua storia, ispirata dal "caso Rachel Dolezal", la leader della comunità afro-americana di Spokane, diventata presidente dell'Agenzia Nazionale per l'avanzamento delle persone di colore, e che si è finta nera.
L'aspirazione di Dolezal di abbandonare la sua "Whiteness" (letteralmente dall'inglese "essere bianchi") per abbracciare una nuova razza, dice Michael, è abbastanza comune tra i bianchi che rifiutano il razzismo e il privilegio di cui godono.
Michael ha spiegato che, come Dolezal, è passata attraverso una lunga fase in cui ha cercato di sradicare il suo "essere bianca", arrivando alla decisione estrema di non volersi riprodurre. “Anch'io a volte non vorrei essere bianca” ha detto Michael. “C'è stato un tempo nella mia vita, quando avevo 20 anni, in cui tutto ciò che studiavo sulla storia del razzismo mi ha fatto odiare me stessa, la mia "whiteness", i miei antenati... E i miei discendenti. Fu in quel periodo che decisi di non avere figli biologici perché non volevo diffondere il mio "privilegio" biologico", dice la donna americana.
Michael descrive così la sua routine virtuosa: ha vissuto con una famiglia di colore, si è rasata i capelli, e ha letto esclusivamente autori neri. La donna, inoltre, si è scagliata contro coloro che dicono di essere bianchi senza vergognarsi. “Non mi piace la mia bianchità, ma la bianchità degli altri mi disgusta ancora di più”, sostiene la professoressa. “Ho pensato che il modo migliore per mettere fine al razzismo fosse sentirsi in colpa, e far sentire in colpa anche altre persone bianche", ha poi aggiunto.
Tuttavia, col tempo, la docente sembra essersi "ammorbidita" nelle sue posizioni anti-bianchi, e ora sostiene l'importanza per i bianchi di accettare la loro etnia invece di cambiarla con una nuova, e questo perché è il modo migliore per i bianchi di sentirsi colpevoli. Oggi, il lavoro della donna all'Università di Pennsylvania continua ad essere incentrato su studi razziali. Le sue ricerche riguardano temi quali “come le famiglie bianche fanno socializzare ” e il suo sito web contiene collegamenti a materiali come “10 modi per analizzare i libri dei bambini sul razzismo e sul sessismo”.

Fonte:http://www.ilgiornale.it/news/cronache/dagli-usa-dichiarazione-choc-non-avr-figli-perch-nascerebber-1214938.html

Commenti

Post più popolari