Passa ai contenuti principali

In primo piano

LA REVOCA DELL'IMMUNITA' A MARINE LE PEN AUMENTA LA SUA PROBABILITA' DI VITTORIA

Il Parlamento europeo ha messo a nudo il leader del Fronte Nazionale e deputato europeo Marine Le Pen della sua immunità parlamentare dopo una richiesta dai procuratori francesi.
I pubblici ministeri a Nanterre vogliono sporgere denuncia contro di lei per "la pubblicazione di immagini violente."
Le accuse portano una multa massima di 75.000 euro ($ 79.000) e una condanna a tre anni di carcere.
Le Pen ha solo condiviso le foto raccapriccianti di Daesh (ISIL / ISIS) mentre uccide con i suoi seguaci su Twitter a dicembre 2015.
"Daesh è QUESTO!" Le Pen ha twittato, insieme a foto grafiche delle esecuzioni di Daesh usate per illustrare il suo punto di vista.
Le tre foto hanno mostrato il corpo decapitato del giornalista James Foley e altri due prigionieri.
Le Pen in seguito ha cancellato le foto dopo una denuncia dai genitori di Foley, ma ha difeso le sue azioni, dicendo che non sapeva chi erano le vittime e che le foto erano facilmente reperibili su internet.
E …

GLI STATI UNITI E LA COMUNITA' EUROPEA SI RIFIUTANO DI RICONOSCERE L'EVIDENZA DELLA VOLONTA' POPOLARE IN CRIMEA

Il rifiuto degli Stati Uniti di riconoscere i risultati delle elezioni della Duma in Crimea deve essere visto come un'azione di pressione politica sulla regione, ha dichiarato il politico giapponese e presidente dell'organizzazione patriottica "Issui-Kai" Mitsuhiro Kimura.

In precedenza il presidente dell'Ucraina Petr Poroshenko aveva esortato i Paesi del G7 e dell'Unione Europea a non riconoscere la legittimità delle elezioni della Duma russa che si sarebbero svolte in Crimea e Sebastopoli. In seguito hanno annunciato di non riconoscere i risultati delle votazioni nella penisola gli Stati Uniti e i ministeri degli Esteri di diversi Paesi europei.
"Il fatto che gli Stati Uniti, nella figura del Dipartimento di Stato, ancora prima dei risultati delle elezioni si erano schierati per non riconoscere le elezioni in qualsiasi caso mi sembra inaccettabile e molto sospetto. Si tratta di una pressione politica palese sui protagonisti del processo elettorale ed è fondamentalmente sbagliata" — Kimura ha detto ai giornalisti dopo essere stato domenica nei seggi di Simferopoli, Eupatoria, Saki e Bakhchysarai. Il politico giapponese ha deplorato il fatto che i Paesi occidentali continuano ad ignorare la volontà degli abitanti della Crimea.

Fonte:http://it.sputniknews.com/politica/20160919/3382924/UE-Russia-elezioni-Duma-Poroshenko-G7-Ucraina.html

Commenti

Post più popolari