Passa ai contenuti principali

In primo piano

LA REVOCA DELL'IMMUNITA' A MARINE LE PEN AUMENTA LA SUA PROBABILITA' DI VITTORIA

Il Parlamento europeo ha messo a nudo il leader del Fronte Nazionale e deputato europeo Marine Le Pen della sua immunità parlamentare dopo una richiesta dai procuratori francesi.
I pubblici ministeri a Nanterre vogliono sporgere denuncia contro di lei per "la pubblicazione di immagini violente."
Le accuse portano una multa massima di 75.000 euro ($ 79.000) e una condanna a tre anni di carcere.
Le Pen ha solo condiviso le foto raccapriccianti di Daesh (ISIL / ISIS) mentre uccide con i suoi seguaci su Twitter a dicembre 2015.
"Daesh è QUESTO!" Le Pen ha twittato, insieme a foto grafiche delle esecuzioni di Daesh usate per illustrare il suo punto di vista.
Le tre foto hanno mostrato il corpo decapitato del giornalista James Foley e altri due prigionieri.
Le Pen in seguito ha cancellato le foto dopo una denuncia dai genitori di Foley, ma ha difeso le sue azioni, dicendo che non sapeva chi erano le vittime e che le foto erano facilmente reperibili su internet.
E …

IL REGNO DI SVEZIA POTREBBE PREPARARE "FREE ZONE" SEPARATE PER GLI EXTRACOMUNITARI

La Svezia, le sue leggi liberali e in forte espansione nella società del benessere, è diventata la Mecca delle masse di extracomunitari. Tuttavia, la Svezia potrebbe trasformare l'onere economico in un vantaggio, stabilendo una Hong Kong tipo "zona franca", dove i rifugiati sarebbero completamente autosufficienti, conferma Paul Romer, capo economista in arrivo presso la Banca Mondiale.

Secondo Paul Romer, un concorrente del premio Nobel, che è stato sfruttato per il ruolo di capo economista presso la Banca Mondiale, la Svezia dovrebbe approfittare della sua grande superficie e creare una zona franca in stile Hong Kong, dove gli extraconunitari potrebbero lavorare invece di raccogliere benefici e diventare completamente autosufficienti, senza alcun contributo da parte della popolazione e contribuenti di lavoro del Paese.
Paul Romer, che inizierà a lavorare il prossimo mese alla Banca Mondiale, è diventato famoso per la sua idea di creare paradisi fiscali al fine di indirizzare le correnti della sovrappopolazione e di migrazione. Un esempio fortunato è Hong Kong, ex colonia della corona britannica che ha ricevuto milioni di profughi dalla Cina e hanno utilizzato la loro competenza e capacità per creare un alto livello di prosperità. "Il problema dei profughi è in effetti un problema enorme, ma ci sono le possibili soluzioni. La Svezia, un paese scarsamente popolata, sarebbe in grado di affittare una superficie di dimensioni di Hong Kong. Ci potrebbe ricevere milioni di persone che saranno in grado di supportare se stessi, senza alcun costo agli altri ", ha detto Paul Romer al quotidiano svedese Dagens Nyheter , durante la sua recente visita al paese nordico.
Per motivi di confronto, in Svezia, una nazione di circa 10 milioni di persone, ha una densità abitativa di 21 abitanti per chilometro quadrato.
Hong Kong, che è paragonabile per dimensioni all'isola baltica svedese di Öland, vanta una popolazione di 7,3 milioni e una densità abitativa di 6.500 abitanti per chilometro quadrato, il che lo rende il quarto paese più densamente popolato al mondo. Hong Kong ha visto un afflusso drammatico di immigrati cinesi dopo il cambio di gestione comunista della Cina continentale nel 1949
"E 'importante allora che questa zona franca debba essere conteggiata come unità indipendente, con le sue leggi e le regole, e non come parte della Svezia. Coloro che vivono non ci saranno a diventare cittadini svedesi, ma piuttosto vivranno completamente separatamente dal resto della società svedese ", ha suggerito Paul Romer.
Secondo Romer, ciò significherebbe salari più bassi e orari di lavoro più lunghi.
La Svezia dovrebbe, d'altra parte, mantenere rigorosi controlli alle frontiere, rendendo impossibile per gli abitanti delle zone libere di fuggire nella "terraferma" Svedese.
Pertanto, dovrebbero semplicemente contribuire a finanziare a se stessi.
Romer in precedenza ha scatenato un acceso dibattito suggerendo la conversione di Guantanamo da una base militare degli Stati Uniti a un centro di detenzione in una zona franca.
Guantanamo è stata utilizzato come base navale degli Stati Uniti dal 1898, quando è stata sottratta dalla Spagna.
Secondo Romer, i futuri abitanti della zona franca di Guantanamo non saranno conteggiati come cittadini americani, ma piuttosto continueranno per conto proprio. Finora, i suoi suggerimenti non sono riusciti a raggiungere le orecchie dei decisori.
Durante il suo incarico come capo economista alla Banca Mondiale, Romer ha in programma per sua stessa ammissione a concentrarsi sulla questione dei profughi, visto che decine di milioni di persone hanno bisogno di una nuova casa; egli affronterà anche i problemi di riscaldamento e di salute globale.
Romer rimane ottimista, quando vede ostacoli per la crescita economica continua a base dello sviluppo tecnologico e una maggiore conoscenza.
Nato nel 1955 a Denver, Colorado, dove il padre in seguito divenne governatore dello stato, Paul Michael Romer è un americano economista, imprenditore, e attivista.
Attualmente è professore di economia alla Stern School of Business della New York University. Prima di questo, Romer era un professore di economia alla Graduate School of Business della Stanford University. L'Università di Chicago economista-istruita è un pioniere della teoria della crescita endogena, in cui la crescita economica si basa su investimenti in capitale umano, l'innovazione e la conoscenza.

Fonte:https://sputniknews.com/business/20160922/1045582847/sweden-hong-kong-free-zone-migrants.html

Commenti