Passa ai contenuti principali

In primo piano

LA REVOCA DELL'IMMUNITA' A MARINE LE PEN AUMENTA LA SUA PROBABILITA' DI VITTORIA

Il Parlamento europeo ha messo a nudo il leader del Fronte Nazionale e deputato europeo Marine Le Pen della sua immunità parlamentare dopo una richiesta dai procuratori francesi.
I pubblici ministeri a Nanterre vogliono sporgere denuncia contro di lei per "la pubblicazione di immagini violente."
Le accuse portano una multa massima di 75.000 euro ($ 79.000) e una condanna a tre anni di carcere.
Le Pen ha solo condiviso le foto raccapriccianti di Daesh (ISIL / ISIS) mentre uccide con i suoi seguaci su Twitter a dicembre 2015.
"Daesh è QUESTO!" Le Pen ha twittato, insieme a foto grafiche delle esecuzioni di Daesh usate per illustrare il suo punto di vista.
Le tre foto hanno mostrato il corpo decapitato del giornalista James Foley e altri due prigionieri.
Le Pen in seguito ha cancellato le foto dopo una denuncia dai genitori di Foley, ma ha difeso le sue azioni, dicendo che non sapeva chi erano le vittime e che le foto erano facilmente reperibili su internet.
E …

LA BUFALA SUI COSIDETTI RICHIEDENTI ASILO E I RIFUGIATI DI GUERRA


Il governo italiano teme che un torrente fresco di extracomunitari dal Nord Africa attraverserà il mare nelle prossime settimane, come oltre 15.000 arrivati ​​solo negli ultimi quattro giorni.
Il governo teme che i numeri possono salire solo a settembre il maggior numero nota che le cifre superano di gran lunga quelli dello stesso periodo dell'anno scorso.
I dati ufficiali rilasciati dal governo italiano mostrano che i 118.903 extracomunitari venuti in Italia, finora questo anno, sono fino a 3000 in più rispetto all'anno precedente.
Un funzionario del ministero degli interni italiano ha detto che essi temono un ancora maggiore numero di extracomunitari in arrivo nelle prossime settimane.
I dati indicano che l'afflusso della scorsa settimana sarebbe per il dieci per cento dei migranti totali dell'anno.
Mentre la scala della migrazione è diminuita rispetto allo scorso anno da quando la rotta dei Balcani è stata chiusa, l'Italia sta subendo il peso del numero di arrivi di migranti nella crisi migranti in corso.
La costa meridionale italiana è stata inondato da masse di extracomunitari durante l'estate e ancora di più negli ultimi quattro giorni.
Aree come l'isola di Sicilia sono sovraffollate, portando a tensioni nei campi di extracomunitari e tra i locali siciliani che alcuni credono potrebbe presto raggiungere il punto di ebollizione.
L'atmosfera nel campo di extracomunitari a Lampedusa è particolarmente volatile, dove all'inizio di quest'anno quelli provenienti dall'Africa hanno dato alle fiamme una casa di asilo.
Il gruppo di tunisini che erano responsabili per il fuoco ha sostenuto che lo hanno fatto perché non vogliono essere deportati.
L'Unione Europea (UE) Agenzia di frontiera Frontex ha messo in guardia dall'inizio anno che il Nord Africa sarebbe l'obiettivo principale dei migranti diretti verso l'Europa.
L'agenzia stima che il totale per l'anno potrebberp finire per essere più di 300.000, anche se altri hanno stimato che i numeri in attesa di attraversare il mare potrebbe essere alto come 800.000.
La migrazione incontrollata, soprattutto dalla Libia, presenta anche gravi rischi per la sicurezza per l'Europa.
I media descrivono queste masse di extracomunitari in arrivo dall'Africa come persone che fuggono da guerre, carestie, epidemie, siccità e dall'ISIS.
Chiaramente dallo scoppio della guerra civile in Siria e dalla sono ormai passati 5 anni, e la Primavera Araba terminata con l'aggressione al governo di Ghedaffi in Libia è ormai un remoto ricordo di 5 anni fa, eppure quello che si osserva in quei gommoni che importano sul territorio europeo migliaia e migliaia di extracomunitari non sono persone patite e ridotte all'osso dalla fame e dagli stremi di una guerra o una carenza di acqua e cibo, sono persone in ottima forma fisica e in salute, con la differenza che semplicemente rischiano degli incidenti attraversando il mare aperto.
Non si nega che su quei gommoni si trovano persone in difficoltà, ma rapporti, le foto e le riprese mostrano chiaramente che la maggioranza di quelle masse di extracomunitari sono uomini di giovane e media età, e hanno cominciato ad affollarsi in massa in maniera massiccia solo dal 2014 a questa parte, il numero degli anni precedenti è fin troppo basso per spiegare la ragione per la quale decine di migliaia di individui hanno cominciato a fare la fila per andare sulle coste del Nord Africa.
Il punto di domanda che molti dovrebbero chiedersi è: chi fornisce tutti quei gommoni e barconi?
Un'altro fatto interessante da notare, eccettuati la Siria e l'Iraq, decine di migliaia di individui si stanno letteralmente ammassando in file chilometriche a piedi o su passaggi improvvisati da tutta l'Africa, e addirittura da sotto il Sahara come se stessero rispondendo a una chiamata di dirigersi verso il Nord Africa e poi verso l'Europa.
Qualcuno sta facendo in modo che tali popolazioni si muovano in direzione dell'Europa, fosse vero che si tratta di una migrazione normale, sarebbe stata tale da decine di anni, invece è iniziata su una scala annuale troppo breve per poter essere spiegata.
E un'altro fatto che (eccettuati i siriani) sembra essere sfuggito a molti, sembra che ogni extracomunitario in arrivo dall'Africa diventi automaticamente un "richiedente asilo" oppure un "rifugiato di guerra."
Il problema è che non lo sono realmente: l'ondata di aggressioni sessuali avvenute a Capodanno in tutto il Nord Europa, il più noto è Colonia, dimostrano chiaramente che persone traumatizzate e che hanno sopportato stremi di fame e carestie non si comportano in tale modo.
L'ondata di incendi di auto in Svezia, nelle zone periferiche dove sono residenti gli extracomunitari, non è un comportamento da persone traumatizzate ma piuttosto gente viziata con tendenze criminali.
Ora facciamo un calcolo, per quale ragione la Comissione Europea e la politica della cancelliera tedesca Angela Merkel si sono dimostrate così generosi da sprecare tanto capitale per la ripartizione degli extracomunitari e la loro importazione dal Nord Africa?
Sembra piuttosto una sorta di importazione di "risorse umane", usando il termine della Agenzie Interinali.
La risposta arriva da questo articolo:
"L’Europa è un paese che sta invecchiando velocemente. Il numero di anziani, pensionati che hanno bisogno di assistenza e recepiscono una pensione sta crescendo volecemente rispetto al numero dei giovani che entrano nel mondo del lavoro e pagano per il loro mantenimento. L’immigrazione è fatta di persone giovani, pronte a lavorare, a portare nel Paese di destinazione molto più valore aggiunto dal punto di vista economico di quanto non ricevano in termini di assistenza. Accogliere migranti, siano essi profughi o meno, significa per la vecchia Europa farsi un’assicurazione sui problemi economici futuri.
Secondo un rapporto della Commissione Europea sull’invecchiamento “l'indice di dipendenza degli anziani (persone di 65 anni o superiori rispetto a quelli di età compresa tra 15-64 anni) è previsto in aumento dal 27,8% al 50,1% nella UE nel suo insieme sul periodo di proiezione (ovvero al 2060). Ciò implica che l'Unione europea passerà da avere quattro persone in età lavorativa per ogni persona di età superiore ai 65 anni a circa due persone in età lavorativa per ogni anziano”.
Ciò significa che ci saranno solo due potenziali lavoratori per ogni pensionato, in calo da quasi quattro. Le proiezioni di bilancio a lungo termine mostrano che l'invecchiamento della popolazione costituisce una sfida per le finanze pubbliche dell'UE. L'impatto fiscale dell'invecchiamento è previsto essere alto nella maggior parte degli Stati membri, con effetti che diventeranno sempre più evidenti già nel corso del prossimo decennio.
La variazione della spesa pubblica legata all'età (pensioni, assistenza sanitaria, assistenza a lungo termine ed educazione) è prevista – secondo il rapporto - in aumento di quasi 2 punti percentuali del PIL tra il 2013 e il 2060.
L’invecchiamento della popolazione europea non è ancora diventato un vero e proprio problema, ma lo sarà tra qualche anno quando il sistema pensionistico diventerà insostenibile. Le soluzioni potrebbero essere diverse, ma molte impraticabili: aumentare ancora l’età pensionabile (ed avvicinarla sempre più all’età della morte); tagliare drasticamente gli assegni pensionistici in modo che siano necessari meno contributi dei lavoratori per il mantenimento dei pensionati; aumentare i contributi in busta paga e diminuire i salari netti dei lavoratori o aumentare il costo del lavoro che grava sulle imprese oppure, infine, allargare la platea della forza lavoro, ovvero le persone tra 25 e 60 anni che lavorano e pagano i contributi per sostenere la spesa pensionistica nazionale.
Secondo il rapporto della Commissione, l’UE avrebbe bisogno di 42 milioni di persone in più entro il 2020 e di 257 milioni entro il 2060 per mantenere gli anzini del Vecchio Continente. E visto che insieme all’aumento dell’invecchiamento stiamo assistendo anche al calo della natalità, l’unica soluzione per evitare il disastro fiscale è incrementare l’immigrazione, accogliere più forza lavoro possibile.
Anche perchè rispetto alla popolazione nativa, i migranti giovani e spesso con figli al seguito costano meno e valgono di più dal punto di vista economico, come sostiene Jean-Cristophe Dumont del dipartimento dell'Ocse che si occupa di immigrazione: "Il contributo degli immigrati all'economia è superiore a quanto essi ricevono a titolo di prestazioni sociali o di spesa pubblica"."
La ragione per la quale l'Europa sta invecchiando tanto in fretta sta nel peso delle sue politiche economiche e dalle tasse che tali politiche impongono ai cittadini europei.
Non è troppo difficile comprendere che tali politiche sono a danno della stessa popolazione europea, la quale con il ritorno del Movimenti Nazionali come il Front National, Jobbik, Alternativa per la Germania sta cercando un'alternativa alla propria stessa sopravvivenza e sopratutto la possibilità di scegliere un futuro non solo per il se, ma per il proprio Paese che non debba invece essere deciso da una commissione sovranazionale detta Comissione Europea.



























Commenti

Post più popolari