Passa ai contenuti principali

In primo piano

LA REVOCA DELL'IMMUNITA' A MARINE LE PEN AUMENTA LA SUA PROBABILITA' DI VITTORIA

Il Parlamento europeo ha messo a nudo il leader del Fronte Nazionale e deputato europeo Marine Le Pen della sua immunità parlamentare dopo una richiesta dai procuratori francesi.
I pubblici ministeri a Nanterre vogliono sporgere denuncia contro di lei per "la pubblicazione di immagini violente."
Le accuse portano una multa massima di 75.000 euro ($ 79.000) e una condanna a tre anni di carcere.
Le Pen ha solo condiviso le foto raccapriccianti di Daesh (ISIL / ISIS) mentre uccide con i suoi seguaci su Twitter a dicembre 2015.
"Daesh è QUESTO!" Le Pen ha twittato, insieme a foto grafiche delle esecuzioni di Daesh usate per illustrare il suo punto di vista.
Le tre foto hanno mostrato il corpo decapitato del giornalista James Foley e altri due prigionieri.
Le Pen in seguito ha cancellato le foto dopo una denuncia dai genitori di Foley, ma ha difeso le sue azioni, dicendo che non sapeva chi erano le vittime e che le foto erano facilmente reperibili su internet.
E …

WASHINGTON TENTERA' DI IMPEDIRE LA FORMAZIONE DI UN'ESERCITO EUROPEO

Per la creazione di un esercito europeo i rapporti con gli Stati Uniti rappresentano un serio problema. E' impossibile immaginarsi che Washington possa accettare un'autorevole forza europea all'interno della NATO, in quanto stravolgerebbe l'essenza dell'architettura di sicurezza esistente della civiltà occidentale.

Commentando le parole del presidente della Commissione Europea, secondo cui la sicurezza in Europa deve essere assicurata dalla UE, non dagli Stati Uniti, Radic ha detto che questo è uno dei modi più espliciti della UE per mostrare la sua unità.
Secondo lui, ci sono già proposte che potrebbero dare un'idea di come sia l'esercito europeo, l'iniziativa è stata portata avanti da Germania e Francia, che molti anni fa hanno formato un distaccamento congiunto, funzionante come parte delle forze armate nazionali con un comando multinazionale. Questo tipo di cooperazione, ritiene Radic, può essere interpretato come una sorta di NATO parallela all'interno dell'Alleanza Atlantica. "Nonostante la NATO implementi efficacemente le ambizioni europee, allo stesso tempo è un serio ostacolo alla creazione di un esercito europeo, perché da un punto di vista politico la formazione di questo esercito comporterebbe una revisione del ruolo e degli obiettivi dell'alleanza occidentale. Si può immaginare l'esistenza di un esercito UE all'interno della stessa NATO, ma sarebbe in antitesi agli interessi degli americani, dal momento che una parte significativa dei Paesi dell'Europa orientale e dipendente da Washington", — sottolinea Radic. Parlando dei benefici economici attraverso la formazione di un unico esercito europeo, Radic rileva che la quota del PIL accantonata per il finanziamento delle forze armate è scesa in modo significativo nel corso degli ultimi decenni, e gli investimenti nell'esercito, se confrontati con la situazione di 25 anni fa, si sono dimezzati. "La creazione di un esercito della UE non è una questione economica, ma politica. E' del tutto impossibile immaginarsi che Washington accetti un forte partner europeo all'interno della NATO, perché in questo caso cambierebbe l'intera architettura di sicurezza della civiltà occidentale", dice Radic. In merito ai tempi della creazione di un esercito europeo, Radic afferma che ci potrebbero volere diversi decenni, ma formalmente l'esercito può essere creato in qualsiasi momento adatto dal punto di vista politico. "Per come la vedo io, la cooperazione all'interno della NATO è stata la migliore preparazione per la creazione di questo tipo di esercito", conclude Radic.

Fonte:http://it.sputniknews.com/mondo/20160916/3377707/UE-Juncker-sicurezza-difesa-geopolitica.html

Commenti