Passa ai contenuti principali

In primo piano

LA REVOCA DELL'IMMUNITA' A MARINE LE PEN AUMENTA LA SUA PROBABILITA' DI VITTORIA

Il Parlamento europeo ha messo a nudo il leader del Fronte Nazionale e deputato europeo Marine Le Pen della sua immunità parlamentare dopo una richiesta dai procuratori francesi.
I pubblici ministeri a Nanterre vogliono sporgere denuncia contro di lei per "la pubblicazione di immagini violente."
Le accuse portano una multa massima di 75.000 euro ($ 79.000) e una condanna a tre anni di carcere.
Le Pen ha solo condiviso le foto raccapriccianti di Daesh (ISIL / ISIS) mentre uccide con i suoi seguaci su Twitter a dicembre 2015.
"Daesh è QUESTO!" Le Pen ha twittato, insieme a foto grafiche delle esecuzioni di Daesh usate per illustrare il suo punto di vista.
Le tre foto hanno mostrato il corpo decapitato del giornalista James Foley e altri due prigionieri.
Le Pen in seguito ha cancellato le foto dopo una denuncia dai genitori di Foley, ma ha difeso le sue azioni, dicendo che non sapeva chi erano le vittime e che le foto erano facilmente reperibili su internet.
E …

FRANCIA: COLPI DI ARMA DA FUOCO CONTRO I PROSSIMI CENTRI DI ACCOGLIENZA EXTRACOMUNITARI


PARIGI - Ancora colpi di arma da fuoco contro i futuri centri di accoglienza per migranti della Francia: secondo il quotidiano Le Dauphine' Libèrè, qualcuno ha sparato con un fucile da caccia contro la struttura a Saint-Hilaire-du-Rosier, nel dipartimento dell'Isère, nella notte tra mercoledì e giovedì. Nei pressi del sito che dovrebbe accogliere circa 60 migranti sgomberati dalla tendopoli di Calais sono state rinvenute diverse scritte di protesta contro questi clandestini africani da espellere. Martedi' sera, altri colpi erano stati esplosi contro il villaggio vacanze di Saint-Brevin-l'Ocèan, nel dipartimento di Loire-Atlantique, che deve anch'esso trasformarsi in un centro di accoglienza provvisorio per africani. Oltre diecimila migranti intanto bivaccano, rendendosi responsabili anche di molti reati, nelle tendopoli del nord della Francia nella speranza di raggiungere illegalmente un giorno la Gran Bretagna, cosa divenuta da oltre un anno assolutamente impossibile. Per porre fine a questa situazione indegna, il governo Hollande si era impegnato entro fine anno a ricollocarli in numerosi comuni del Paese, provvedendo anche alle espulsioni. Domenica, il premier Manuel Valls ha detto che lo sgombero comincera' ''nelle prossime settimane''. Ma la gente è esasperata e usa i fucili.

Fonte:http://www.ilnord.it/i-4733_FUCILATE_AI_CENTRI_MIGRANTI

Commenti