Passa ai contenuti principali

In primo piano

LA REVOCA DELL'IMMUNITA' A MARINE LE PEN AUMENTA LA SUA PROBABILITA' DI VITTORIA

Il Parlamento europeo ha messo a nudo il leader del Fronte Nazionale e deputato europeo Marine Le Pen della sua immunità parlamentare dopo una richiesta dai procuratori francesi.
I pubblici ministeri a Nanterre vogliono sporgere denuncia contro di lei per "la pubblicazione di immagini violente."
Le accuse portano una multa massima di 75.000 euro ($ 79.000) e una condanna a tre anni di carcere.
Le Pen ha solo condiviso le foto raccapriccianti di Daesh (ISIL / ISIS) mentre uccide con i suoi seguaci su Twitter a dicembre 2015.
"Daesh è QUESTO!" Le Pen ha twittato, insieme a foto grafiche delle esecuzioni di Daesh usate per illustrare il suo punto di vista.
Le tre foto hanno mostrato il corpo decapitato del giornalista James Foley e altri due prigionieri.
Le Pen in seguito ha cancellato le foto dopo una denuncia dai genitori di Foley, ma ha difeso le sue azioni, dicendo che non sapeva chi erano le vittime e che le foto erano facilmente reperibili su internet.
E …

IL PRIMO MINISTRO UNGHERESE CHIEDE PIU' DIRITTO AGLI STATI NAZIONALI RISPETTO A BRUXELLES

Il Primo Ministro ungherese Viktor Orban ha preso di mira ancora una volta l'Unione europea, con il 60 ° anniversario della rivoluzione ungherese del 1956 per mettere in guardia contro la "sovietizzazione" d'Europa e la necessità di proteggere i confini nazionali dalle masse di extracomunitari.

Orban ha paragonato le azioni dello stabilimento UE a quella di una forza di occupazione straniera durante il suo discorso a Budapest, sostenendo che agli Stati membri dovrebbero essere dati maggiori poteri sopra Bruxelles, in particolare per quanto riguarda l'immigrazione.
"Le persone che amano la loro libertà devono salvare Bruxelles dalla sovietizzazione, da parte di persone che vogliono dirci come dobbiamo vivere nei nostri Paesi", ha detto.
"Come eredi al 1956 non possiamo permettere che l'Europa tagli le radici che l'ha resa grande e ci ha aiutato a sopravvivere alla repressione sovietica. Non c'è Europa senza senza stati nazionali e le migliaia di anni di saggezza dal cristianesimo", ha aggiunto.
Ancora una volta sulla sua linea lungimirante presa di posizione di immigrazione, Orban ha detto alla folla: "... Dobbiamo chiudere il confine per fermare la migrazione di massa che scorre da sud."
Il presidente polacco Andrzej Duda, che è stato ospite alla manifestazione commemorazione, ha detto la posizione di Orban su tali questioni chiave è stata sostenuta a Varsavia.
"Potete contare sulla Polonia, marciamo insieme nei momenti più difficili", ha detto. "Due paesi che sono state costruite su fondamenta cristiane e sono ora liberi nell'Europa unificata."
Mentre la Commissione e Paesi come la Germania europea hanno favorire la creazione di un sistema di quote di trasferimento degli extracomunitari imposte tra gli Stati membri, un certo numero di paesi come l'Ungheria, la Polonia la Slovacchia e la Repubblica Ceca hanno veementemente respinto tali proposte, sostenendo che i governi nazionali dovrebbero mantenere il controllo su questioni come l'immigrazione.
A dispetto di Bruxelles, l'Ungheria ha tenuto un referendum all'inizio di questo mese sulla questione, e il 98 per cento di coloro che hanno preso alle urne ha sostenuto la posizione di Orban nel respingere sistemi di quote di trasferimento degli extracomunitari sul territorio nazionale.

Fonte:https://sputniknews.com/europe/201610241046673329-hungary-eu-sovietization-europe/

Commenti

Post più popolari