LA FEDERAZIONE RUSSA DIVENTERA' IL CROCEVIA DELLE ECONOMIE EUROPEE ED ASIATICHE

Il presidente russo Vladimir Putin ha detto che l'Unione Economica Eurasiatica e la Nuova Cintura Economica della Seta potrebbero diventare la base per un'eurasiatica Partnership Big.

"In questo contesto, abbiamo anche proposto che il lavoro sulla creazione dell'Unione Economica Eurasiatica dovrebbe essere integrato con quello sulla cintura economica della Via della Seta. Questo processo potrebbe eventualmente fornire una base per un'eurasiatica Partnership Big che comporterebbe una vasta gamma di Paesi del Unione Economica Eurasiatica, la SCO, e l'ASEAN " ha confermato Putin in un'intervista con Sputnik e l'agenzia di stampa IANS.
Realizzando il potenziale geografico, la Russia potrebbe diventare un ponte tra l'Europa e l'Asia e un "terreno fisico" in cui l'Asia, Europa e America potrebbero costruire interessi comuni per lo sviluppo, dice l'analista politico italiano Francesco Sisci in un articolo per Asia Times. "Il presidente russo Vladimir Putin ha tutte le ragioni per essere orgoglioso di se stesso. E 'un maestro di alti giochi geopolitici. L'influenza di Mosca è più diffusa che mai, forse ancora maggiore rispetto al culmine della Guerra Fredda".
Il coinvolgimento nell'accordo finale sul dossier nucleare iraniano, così come l'impegno di Mosca in Siria hanno rafforzato il ruolo della Russia in Medio Oriente come un attore regionale fondamentale.
Inoltre, la Russia ha una forte collaborazione con la Cina in una serie di settori, tra cui il commercio, la difesa e la cultura. La Russia sta anche costruendo attivamente la cooperazione con la regione Asia-Pacifico. "L'Unione Europea resta il nostro principale partner ma sarebbe imperdonabile non utilizzare le enormi opportunità in connessione con il rapido sviluppo dell'economia, della logistica e processi di trasporto nella regione Asia-Pacifico", ha detto il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov nel mese di settembre.
Tuttavia, l'esperto ha sottolineato che la Russia ha grandi opportunità, non solo in esportazione dell'influenza geopolitica o di petrolio e gas.
"La Russia può importare capitali e influenza geopolitica nel suo territorio e imparare a gestirli internamente, non esternamente. La Russia è un ponte naturale tra l'Asia orientale e l'Europa, le due regioni più dinamiche del mondo," ha scritto. Questo renderebbe più facile per Mosca per attrarre investimenti provenienti da tutto il mondo per sviluppare le sue piccole e medie imprese così come " 'autostrada' della sua infrastruttura di comunicazione e gli scambi". "In questo modo, la crescita economica della Russia aiuterebbe la crescita economica del resto del mondo e potrebbe diventare il terreno fisico in cui l'Asia, Europa e America potessero incontrarsi e costruire interessi comuni per lo sviluppo", secondo l'articolo.
Attualmente, la Cina sta attuando la nuova iniziativa di infrastrutture della One Belt One Road, o Nuova Via della Seta, e la Russia potrebbe segnare numerosi vantaggi da essa, ha scritto Sisci.
La nuova via della seta è un progetto di infrastruttura ambizioso, volto a trasformare il paesaggio eurasiatico economico e commerciale.
Con sede a Mosca orientale l'esperto di affari Vladimir Sazhin afferma che l'attuazione del progetto, i cinesi lo chiamano la "via della seta del 21 ° secolo" espanderà il peso economico e politico di Pechino per la zona gigante che si estende dall'Oceano Pacifico fino alle Isole inglesi.
Il progetto, noto come "One Belt, One Road", si propone di costruire una "cintura economica" lungo la Via della Seta originale che ha portato dalla Cina all'Europa.
La "Via della Seta Marittimo" collega i porti della Cina con quelle nel Sud del Pacifico, Oceano Indiano e Mar Mediterraneo. "Accogliere e gestire i capitali stranieri per il suo sviluppo e lo sviluppo di un ponte eurasiatico che includa gli Stati Uniti potrebbero essere un modo per capitalizzare ora in poi la sua attuale situazione", ha concluso.

Fonte:https://sputniknews.com/business/201610301046895000-russia-eurasia-bridge/

Commenti