Passa ai contenuti principali

In primo piano

LA REVOCA DELL'IMMUNITA' A MARINE LE PEN AUMENTA LA SUA PROBABILITA' DI VITTORIA

Il Parlamento europeo ha messo a nudo il leader del Fronte Nazionale e deputato europeo Marine Le Pen della sua immunità parlamentare dopo una richiesta dai procuratori francesi.
I pubblici ministeri a Nanterre vogliono sporgere denuncia contro di lei per "la pubblicazione di immagini violente."
Le accuse portano una multa massima di 75.000 euro ($ 79.000) e una condanna a tre anni di carcere.
Le Pen ha solo condiviso le foto raccapriccianti di Daesh (ISIL / ISIS) mentre uccide con i suoi seguaci su Twitter a dicembre 2015.
"Daesh è QUESTO!" Le Pen ha twittato, insieme a foto grafiche delle esecuzioni di Daesh usate per illustrare il suo punto di vista.
Le tre foto hanno mostrato il corpo decapitato del giornalista James Foley e altri due prigionieri.
Le Pen in seguito ha cancellato le foto dopo una denuncia dai genitori di Foley, ma ha difeso le sue azioni, dicendo che non sapeva chi erano le vittime e che le foto erano facilmente reperibili su internet.
E …

LE POTENZE ASIATICHE CON LA FEDERAZIONE RUSSA STANNO MANIFESTANDO GRANDE INTERESSE PER L'OCEANO ARTICO

Le potenze asiatiche stanno dimostrando un crescente interesse per la ricerca e l'esplorazione di vaste risorse artiche. Secondo il Consiglio Affari Internazionali russo (RIAC) diverse economie dell'Asia vedono la Russia come un "biglietto per le ricchezze dell'Artico".

Nonostante la sua posizione remota, l'Artico è diventato il centro dell'attenzione globale con numerosi paesi che hanno legato il loro destino alla regione ricca di risorse, afferma il Consiglio Affari Internazionali Russo (RIAC).
Mentre le otto nazioni artiche - Russia, Stati Uniti, Canada, Danimarca, Finlandia, Islanda, Svezia e Norvegia - sono considerate come principali contendenti per la regione, i Paesi asiatici stanno dimostrando il loro vivo interesse per le riserve naturali dell'Artico e ai corridoi di trasporto.
"I paesi dell'Asia orientale, il sud-est asiatico e l'Asia meridionale hanno notevolmente intensificato la loro attività di ricerca nell'Artico, nel tentativo di sfruttare appieno le opportunità offerte dal Polo Nord", riferisce il rapporto intitolato "I giocatori asiatici nell'Artico: Interessi, Opportunità, Prospettive ".
Gli autori del documento spiegano che che l'interesse verso l'Artico da parte dei giocatori asiatici è comprensibile: le principali potenze economiche asiatiche stanno dimostrando una forte crescita economica con il loro sviluppo industriale che sta rapidamente acquistando slancio.
Inoltre, la situazione demografica nella regione sta anche mostrando una dinamica positiva.
Dato tutto questo, "garantire l'accesso a nuove risorse" è diventata una questione di fondamentale importanza per le economie emergenti dell'Asia.
Citando le valutazioni del United States Geological Survey delle riserve di idrocarburi dell'Artico, della relazione si richiama l'attenzione sul fatto che "la regione artica contiene circa il 13% delle riserve di petrolio non ancora scoperte del mondo e il 30% delle sue riserve di gas non ancora scoperte." Ciò che è più importante, tuttavia, è che le più grandi riserve di gas sono concentrate nella parte russa dell'Artico, sottolinea la relazione.
Anche se alla Cina, il Giappone, la Repubblica di Corea, India e Singapore sono stati concessi lo status di osservatore nel Consiglio Artico nel 2013, il loro ruolo nell'organizzazione è limitato a essere tenuti in data nell'agenda formulata dalle otto nazioni artiche.
Detto questo, il rapporto RIAC spiega che la Russia potrebbe rafforzare i suoi legami con gli attori geopolitici asiatici, rafforzando la cooperazione nella ricerca e nello sviluppo della regione artica.
Gli autori del rapporto sottolineano che la Russia è stato più volte indicata come "biglietto dell'India verso la ricchezza di energia dell'Artico."
Indietro nel 2014 Vijay Sakhuja, direttore della ricerca presso il Consiglio Indiano degli Affari del mondo, ha detto che l'India vede diverse opportunità in cooperazione con la Russia nella regione artica tra cui entrambi i campi di esplorazione scientifica e delle riserve.
"Parte di questo cambiamento può essere attribuito alla evoluzione dello spostamento del perno geoeconomico al Nord su petrolio e gas, il settorer minerario in alto mare, e la pesca e queste attività sarebbero di immenso valore economico in India.
In questo contesto, la Russia può giocare un ruolo significativo nella sicurezza energetica dell'India, "ha sottolineato Sakhuja nel suo articolo per Valdaiclub.com.
Allo stesso modo, Singapore sta segnalando la sua volontà di sviluppare una collaborazione reciprocamente vantaggiosa nel campo della ricerca in Artico, osserva il rapporto RIAC, citando la dichiarazione fatta da Arthur Chilingarov, rappresentante speciale del Presidente della Federazione Russa per la cooperazione internazionale nella regione artica e antartica, seguendo la sua visita nel Paese a marzo 2016.
Da parte loro, la Cina e la Repubblica di Corea sono interessati non solo a partecipare all'esplorazione di vaste risorse naturali della regione, ma anche "in cooperazione con la Russia come la più grande potenza artica per garantire un buon funzionamento del Passaggio a nord-est."
Le nazioni visualizzano il Passaggio a Nord-Est (NSR) - una rotta di navigazione situata ad est della Novaja Zemlja e che corre lungo la costa artica russa del Mar di Kara, lungo la Siberia, per lo stretto di Bering - come un corridoio marittimo prospettico che collega l'Asia e l'Europa. "La NSR sta rapidamente diventando una linea di navigazione artica transito che possono rappresentare un'alternativa alle rotte marittime intercontinentali esistenti tra l'Atlantico e il Pacifico attraverso i Canali di Suez e Panama". Inutile dire che la cooperazione russo-cinese nell'Oceano Artico sta provocando preoccupazioni in Occidente.
Nel maggio del 2016 gli scienziati politici americani Stephanie Pezard e Timothy Smith dell'influente RAND Corporation hanno sottolineato che il riequilibrio di Mosca verso la Repubblica Cinese "è particolarmente importante nella regione artica, una regione in cui la Russia ha grandi ambizioni."
Gli studiosi statunitensi hanno sottolineato che il coinvolgimento della Cina nell'esplorazione artica della Russia può annullare l'impatto delle restrizioni occidentali: mentre le restrizioni sostenute dagli Stati Uniti hanno messo in crisi importanti progetti dell'energia in mare aperto che Mosca ha dato generosamente insieme con le imprese europee e americane, Pechino può offrire alla Russia sia competenza e tecnologia.
Secondo RIAC, un maggiore coinvolgimento dei paesi asiatici negli affari artici può sostenere il loro peso sulla scena internazionale e spostare ulteriormente l'equilibrio verso la multipolarità nazionale.

Fonti:https://sputniknews.com/politics/201610191046514339-asia-russia-arctic/

Commenti