Passa ai contenuti principali

In primo piano

LA REVOCA DELL'IMMUNITA' A MARINE LE PEN AUMENTA LA SUA PROBABILITA' DI VITTORIA

Il Parlamento europeo ha messo a nudo il leader del Fronte Nazionale e deputato europeo Marine Le Pen della sua immunità parlamentare dopo una richiesta dai procuratori francesi.
I pubblici ministeri a Nanterre vogliono sporgere denuncia contro di lei per "la pubblicazione di immagini violente."
Le accuse portano una multa massima di 75.000 euro ($ 79.000) e una condanna a tre anni di carcere.
Le Pen ha solo condiviso le foto raccapriccianti di Daesh (ISIL / ISIS) mentre uccide con i suoi seguaci su Twitter a dicembre 2015.
"Daesh è QUESTO!" Le Pen ha twittato, insieme a foto grafiche delle esecuzioni di Daesh usate per illustrare il suo punto di vista.
Le tre foto hanno mostrato il corpo decapitato del giornalista James Foley e altri due prigionieri.
Le Pen in seguito ha cancellato le foto dopo una denuncia dai genitori di Foley, ma ha difeso le sue azioni, dicendo che non sapeva chi erano le vittime e che le foto erano facilmente reperibili su internet.
E …

L'EUROPA SI PREPARA AL DOPO ANGELA MERKEL

Il cancelliere tedesco Angela Merkel festeggerà 11 anni di potere il prossimo mese, ma la probabilità di sconfitta per il suo partito nelle elezioni del prossimo anno ha spostato l'attenzione di tutti alla forma della politica europea dopo la sua partenza.

Il (CDU) partito Unione Democratica Cristiana di Angela Merkel ha subito una serie di sconfitte alle elezioni nel corso dell'ultimo anno, più di recente arrivando secondo dietro il Partito Socialdemocratico (SPD) a Berlino il mese scorso, dopo aver ricevuto il 6,7 per cento meno voti rispetto al 2011.
Le sconfitte sollevano dubbi sulla fattibilità della candidatura di Merkel per il cancelliere nelle elezioni federali della Germania il prossimo anno.
In mezzo a crescenti speculazioni, la Merkel si deve ancora dichiarare se lei si candiderà alle elezioni di nuovo.
In Project Syndicate, il Professore di Politica Economica Ashoka Mody l'ha considerata la più ampia implicazione di elezioni federali della Germania, anche se non la Merkel mantiene la sua carica di Cancelliere.
"Per ora, la Merkel mantiene il suo ruolo di de facto cancelliere europeo, semplicemente perché non c'è alternativa. Il primo ministro italiano Matteo Renzi cerca ancora la Merkel quando vuole 'flessibilità' sulle regole di bilancio.
Il primo viaggio all'estero ufficiale del primo ministro britannico Theresa May era a Berlino ", ha scritto Mody.
Tuttavia, gli utili da parte dell' AfD e altri nazionalisti, come l'UKIP del Regno Unito e il Front Nazional della Francia, sono la prova che la politica europea è cambiata, che ha implicazioni per l'integrazione europea e il ruolo considerato di primo piano della Germania nel progetto europeo. la speranza del professore è che l'Europa dia luogo ad un "nazionalismo responsabile", in cui "i governi dell'Eurozona dovranno servire i propri cittadini piuttosto che un astratto ideale europeo, e vivere secondo la disciplina delle urne e il mercato. "
Tra differenze nette oltre le regole di bilancio europee e la crisi del debito greco ", un tedesco come il Cancelliere europeo dividerebbe l'Europa in modo più distante", ha concluso Mody.
Angela Merkel è stato eletta la prima volta nel 2005 il cancelliere, e correre di nuovo per le elezioni potrebbe consentire di superare il record stabilito dal suo mentore politico Helmut Kohl, che governò la Germania 1982-1998. più longevo Cancelliere della Repubblica federale ha supervisionato la riunificazione della Germania e fu determinante per promuovere l'integrazione europea, dando alla Germania un ruolo politico ed economico chiave al centro della UE e promuovere il progetto della moneta unica Euro.
Nonostante i successi apparenti Kohl per il progetto dell'Unione Europea e la posizione della Germania al suo interno, Kohl ha subito una sconfitta umiliante, quando correva per l'ufficio per l'ultima volta nel 1998, un'esperienza che la Merkel si dice che sia desiderosa di evitare.
I sondaggi suggeriscono che la maggioranza dei tedeschi è contraria alla Merkel che soggiorni per un quarto mandato.
Secondo un sondaggio condotto dalla commissione Cicerone magazine nel mese di maggio, due mesi dopo che il CDU ha subito pesanti perdite in tre elezioni statali, il 64 per cento dei tedeschi non vogliono che Merkel rimanga Cancelliere.
Finora Merkel rimane a denti stretti circa le sue intenzioni, ma lei dovrà decidere il suo futuro entro l'inizio del mese di dicembre al più presto, scrive Rheinische Post (RP) giornale della Germania.
Uno dei motivi per la quale Merkel potrebbe correre di nuovo è la penuria di candidati nell'Unione CDU / CSU per sostituire il suo ruolo, ha notato il giornale.
I possibili candidati includono il ministro della Difesa Ursula von der Leyen, capo della Cancelleria tedesca Peter Altmaier e anche il ministro delle Finanze 74 anni, Wolfgang Schauble .
"La posizione di Her (Von der Leyen) per quanto riguarda la politica dei rifugiati è molto simile a quelli del Cancelliere. Se Merkel è percepita come troppo di sinistra per l'Unione, c'è alternativa. Peter Altmeier si parla come un possibile sostituto, ma lo stesso vale per l'avvocato brillante come al Von der Leyen. lui è così vicino al Cancelliere che in realtà non rappresenta un'alternativa, " conferma RP.
Alcuni hanno speculato circa la possibile intenzione di Horst Seehofer, il leader della Baviera del partito sorella del CDU, il CSU, di correre per il cancelliere.
Tuttavia, secondo il tedesco politologo Oskar Niedermayar, Seehofer non ha alcuna possibilità di diventare Cancelliere. "A parte la questione se Seehofer vorrebbe ... egli non ha alcuna possibilità, perché l'alleanza (CDU / CSU) certamente non sarà in grado di raggiungere la maggioranza alle prossime elezioni federali. Questo significa che ha bisogno di un partner di coalizione, e tutti i partner immaginabili non avrebbero accettato o eletto Seehofer come Cancelliere federale "ha detto Niedermayar T-online .

Fonte:https://sputniknews.com/europe/201610161046381070-merkel-chancellor-europe/

Commenti