Passa ai contenuti principali

In primo piano

LA REVOCA DELL'IMMUNITA' A MARINE LE PEN AUMENTA LA SUA PROBABILITA' DI VITTORIA

Il Parlamento europeo ha messo a nudo il leader del Fronte Nazionale e deputato europeo Marine Le Pen della sua immunità parlamentare dopo una richiesta dai procuratori francesi.
I pubblici ministeri a Nanterre vogliono sporgere denuncia contro di lei per "la pubblicazione di immagini violente."
Le accuse portano una multa massima di 75.000 euro ($ 79.000) e una condanna a tre anni di carcere.
Le Pen ha solo condiviso le foto raccapriccianti di Daesh (ISIL / ISIS) mentre uccide con i suoi seguaci su Twitter a dicembre 2015.
"Daesh è QUESTO!" Le Pen ha twittato, insieme a foto grafiche delle esecuzioni di Daesh usate per illustrare il suo punto di vista.
Le tre foto hanno mostrato il corpo decapitato del giornalista James Foley e altri due prigionieri.
Le Pen in seguito ha cancellato le foto dopo una denuncia dai genitori di Foley, ma ha difeso le sue azioni, dicendo che non sapeva chi erano le vittime e che le foto erano facilmente reperibili su internet.
E …

GLI ESPERTI PREOCCUPATI PER L'ACCORDO NUCLEARE TRA LA REPUBBLICA DELL'INDIA E L'IMPERO DEL SOL LEVANTE

La comunità globale è sempre più disturbata dall'accordo nucleare indo-giapponese, con New Delhi che non ha firmato il trattato internazionale di non proliferazione nucleare (TNP), volto a prevenire la diffusione delle armi nucleari.

Il primo ministro indiano Narendra Modi e la controparte giapponese Shinzo Abe hanno firmato un accordo nucleare di cooperazione civile, dopo sei anni di negoziati. L'accordo è detto di rispondere a esigenze strategiche più importanti per le economie di entrambi i Paesi.
Le esportazioni di tecnologia nucleare progressive del Giappone sono considerati fondamentali per la rapida crescita economica dell'India.
Tokyo ha un monopolio virtuale nella produzione di componenti di reattori per la sicurezza e le cupole delle centrali elettriche, elementi critici in cui New Delhi ha bisogno di attuare programmi di cooperazione nucleare con gli Stati Uniti e altri Paesi.
Allo stesso tempo, attività nucleare del Giappone, gravemente danneggiata dopo il disastro nucleare di Fukushima 2011, avrà accesso ad un mercato indiano di $ 150 miliardi di crescita.
Gli esperti nucleari internazionali sono preoccupati per l'accordo, però, soprattutto a causa dello stato di non proliferazione ambigua dell'India e le probabilità che possa utilizzare la tecnologia giapponese per sviluppare armi aggiuntive.
India ha firmato una moratoria unilaterale sui test nucleari dopo che in passato ha fatto esplodere una bomba all'idrogeno nel 1998, ma è riluttante a firmare il TNP, sostenendo che esso crea un divario eccessivo tra i paesi che hanno sviluppato il nucleare prima del 1967 e quelli che sono venuti al club dopo tale anno, consentendo solo ai cinque vincitori della seconda guerra mondiale ad avere armi nucleari.
Akira Kawasaki di Tokyo organizzazione Peace Boat, in una intervista con Deutsche Welle, ha accusato addirittura il Giappone di ammorbidire la sua posizione "per il bene dei benefici economici."
"L'accordo garantisce gli stessi diritti de facto in India come altre potenze nucleari che hanno firmato il TNP. Dando all'India uno status speciale, il Giappone ha compromesso la sua posizione già rigida sul TNP", ha affermato. "L'accordo giapponese-indiano è un passo significativo dal ruolo simbolico del Giappone come un forte sostenitore del disarmo nucleare".
Toby Dalton, esperto di non-proliferazione e l'energia nucleare al Carnegie Endowment di Washington per la Pace Internazionale di think tank, ha persino detto a Deutsche Welle che, anche se l'accordo è stato firmato, ci sono ancora "questioni cruciali in sospeso che non sono state risolte."
Non è chiaro, per esempio, se all'India sarà consentito di rielaborare il combustibile nucleare e che cosa accadrebbe se il paese effetuasse esplosioni nucleari supplementari.
I sostenitori del trattato sostengono che l'India non vorrebbe deviare dalla sua moratoria autoimposta.
Il quotidiano giapponese Yomiuri Shinbun ha riferito il 5 novembre che il Giappone fermerà la collaborazione con Nuova Delhi se il Paese dell'Asia meridionale svolgesse eventuali esplosioni nucleari supplementari.


Fonte:https://sputniknews.com/business/201611151047440241-india-japan-nuclear-deal/

Commenti

Post più popolari