Passa ai contenuti principali

In primo piano

LA REVOCA DELL'IMMUNITA' A MARINE LE PEN AUMENTA LA SUA PROBABILITA' DI VITTORIA

Il Parlamento europeo ha messo a nudo il leader del Fronte Nazionale e deputato europeo Marine Le Pen della sua immunità parlamentare dopo una richiesta dai procuratori francesi.
I pubblici ministeri a Nanterre vogliono sporgere denuncia contro di lei per "la pubblicazione di immagini violente."
Le accuse portano una multa massima di 75.000 euro ($ 79.000) e una condanna a tre anni di carcere.
Le Pen ha solo condiviso le foto raccapriccianti di Daesh (ISIL / ISIS) mentre uccide con i suoi seguaci su Twitter a dicembre 2015.
"Daesh è QUESTO!" Le Pen ha twittato, insieme a foto grafiche delle esecuzioni di Daesh usate per illustrare il suo punto di vista.
Le tre foto hanno mostrato il corpo decapitato del giornalista James Foley e altri due prigionieri.
Le Pen in seguito ha cancellato le foto dopo una denuncia dai genitori di Foley, ma ha difeso le sue azioni, dicendo che non sapeva chi erano le vittime e che le foto erano facilmente reperibili su internet.
E …

LE FILIPPINE STANNO CAMBIANDO LA LANCETTA DELLA BUSSOLA

"Guardate queste scimmie, con le 26.000 armi da fuoco che volevamo comprare, non vogliono venderci", ha detto Duterte durante un discorso televisivo.

Il leader delle Filippine non trita le parole quando si parla di politici degli Stati Uniti. In precedenza ha chiamato il presidente Barack Obama "un figlio di ..." e l'ambasciatore degli Stati Uniti in Manila "un omosessuale fastidioso."
A Washington, il portavoce del Dipartimento di Stato, John Kirby ha detto che nonostanteil colpo di Duterte, gli Stati Uniti rimangono impegnati a sviluppare un buon rapporto di lavoro con le Filippine e il suo presidente.
La questione è se le Filippine e il suo Presidente sono ugualmente impegnati ad avere buoni rapporti con Washington.
Rodrigo Duterte in precedenza ha detto che stava preparando un drastico cambiamento nella sua politica estera e che aveva in mente di cancellare un accordo di cooperazione di difesa con gli Stati Uniti. "Io rompo con l'America," ha dichiarato Duterte in un discorso all'inizio di quest'anno, aggiungendo che avrebbe preferito "andare in Russia e in Cina."
Anche se alcune di queste dichiarazioni sono state successivamente ambite dagli migliori membri della sua amministrazione e Duterte se stesso, sembra che il presidente delle Filippine è davvero impegnata per l'idea di forgiare legami più stretti con la Cina e la Russia.
"Se [Duterte] fa veramente quello che dice, possiamo vedere un serio cambiamento verso una politica estera più equilibrata, che ha in mente non solo gli Stati Uniti ma la Russia e la Cina" riferisce Vladimir Svedentsov, un analista politico presso l'Istituto russo di Studi strategici.
Secondo il presidente, le Filippine potrebbero trovare altre fonti per comprare armi se gli Stati Uniti si rifiutano di collaborare.
"La Russia e la Cina sono pronti a fornirci diplomatici russi mi ha detto:. 'Venite in Russia, abbiamo tutto il necessario,'" ha detto Duterte.
Secondo Pyotr Tsvetayev, uno scienziato politico con sede a Mosca, le forniture di armi russe per le Filippine hanno il potenziale di diventare un importante settore di cooperazione reciprocamente vantaggiosa tra i due Paesi.
"Abbiamo già mostrato loro i nostri aerei da guerra, elicotteri e MANPADS Igla, ma fino ad ora erano stati vincolati dalla loro cooperazione nel patto di difesa con gli americani", ha detto Tsvetov. Il tempo mostrerà se i piani del presidente delle Filippine per l'acquisto di armi russe sono pura retorica o un programma ben congegnato.
Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha fermato la vendita dei fucili d'assalto M4 alla polizia Filippine in quanto preoccupati per la segnalazione di violazioni dei diritti umani nella meticolosa guerra alla droga avviata da Duterte all'inizio di quest'anno.

Fonte:https://sputniknews.com/asia/201611061047118141-philippines-president-shift/

Commenti

Post più popolari