Passa ai contenuti principali

In primo piano

LA REVOCA DELL'IMMUNITA' A MARINE LE PEN AUMENTA LA SUA PROBABILITA' DI VITTORIA

Il Parlamento europeo ha messo a nudo il leader del Fronte Nazionale e deputato europeo Marine Le Pen della sua immunità parlamentare dopo una richiesta dai procuratori francesi.
I pubblici ministeri a Nanterre vogliono sporgere denuncia contro di lei per "la pubblicazione di immagini violente."
Le accuse portano una multa massima di 75.000 euro ($ 79.000) e una condanna a tre anni di carcere.
Le Pen ha solo condiviso le foto raccapriccianti di Daesh (ISIL / ISIS) mentre uccide con i suoi seguaci su Twitter a dicembre 2015.
"Daesh è QUESTO!" Le Pen ha twittato, insieme a foto grafiche delle esecuzioni di Daesh usate per illustrare il suo punto di vista.
Le tre foto hanno mostrato il corpo decapitato del giornalista James Foley e altri due prigionieri.
Le Pen in seguito ha cancellato le foto dopo una denuncia dai genitori di Foley, ma ha difeso le sue azioni, dicendo che non sapeva chi erano le vittime e che le foto erano facilmente reperibili su internet.
E …

SIRIA: L'OPPORTUNITA' DELLA BASE DI TARTUS

A Tartus in Siria e forse anche in altri punti, la Marina russa svilupperà dei centri tecnici in base ai compiti da svolgere, ha detto in un'intervista a Ria Novosti, l'ex vice comandante della Marina, l'ammiraglio russo Ivan Vasiliev.

"Non basi navali, ma basi logistiche, che riforniscano le navi di tutte le risorse necessarie: combustibile, acqua, cibo, materiali di riparazione. Per questo abbiamo tenuto lì delle navi-officina, navi adatte all'integrazione logistica, petroliere" ha detto l'ammiraglio, che ha sottolineato che "già da molto tempo è stata presa la decisione di mantenere con le navi una presenza costante, soprattutto nel Mediterraneo".
"Questa è un'area in cui ci sono in azione navi di superficie, sottomarini del mar Nero, del mar Baltico e la Flotta del Nord. È quindi necessario estendere i nostri punti di logistica nelle aree in cui si presta servizio e combattimento, soprattutto nella base di Tartus. Penso che a Tartus, rispettando i principi giuridici, verrà ampliata la dimensione della base per gestire la zona operativa permanente di connessione nel Mediterraneo e così faremo anche in altre regioni" ha detto Vasiliev.
L'ammiraglio ha anche detto che la costruzione di petroliere per il rifornimento della flotta, che accompagnano le navi da combattimento in traversate di lunga distanza, "è un promettente programma di modernizzazione dell'apparato navale".

Fonte:https://it.sputniknews.com/mondo/201611103610217-tartus-baseflotta-marinarussa-petroliere/

Commenti