Passa ai contenuti principali

In primo piano

LA REVOCA DELL'IMMUNITA' A MARINE LE PEN AUMENTA LA SUA PROBABILITA' DI VITTORIA

Il Parlamento europeo ha messo a nudo il leader del Fronte Nazionale e deputato europeo Marine Le Pen della sua immunità parlamentare dopo una richiesta dai procuratori francesi.
I pubblici ministeri a Nanterre vogliono sporgere denuncia contro di lei per "la pubblicazione di immagini violente."
Le accuse portano una multa massima di 75.000 euro ($ 79.000) e una condanna a tre anni di carcere.
Le Pen ha solo condiviso le foto raccapriccianti di Daesh (ISIL / ISIS) mentre uccide con i suoi seguaci su Twitter a dicembre 2015.
"Daesh è QUESTO!" Le Pen ha twittato, insieme a foto grafiche delle esecuzioni di Daesh usate per illustrare il suo punto di vista.
Le tre foto hanno mostrato il corpo decapitato del giornalista James Foley e altri due prigionieri.
Le Pen in seguito ha cancellato le foto dopo una denuncia dai genitori di Foley, ma ha difeso le sue azioni, dicendo che non sapeva chi erano le vittime e che le foto erano facilmente reperibili su internet.
E …

LA LIBERAZIONE DI ALEPPO, UN GRANDE PASSO PER LA FINE DELLA GUERRA


Secondo il parere pezzo di Lundström nel Fria Tider la Russia è il grande vincitore.
Attraverso il suo successo nel sostegno alla Siria, Mosca ha dimostrato di essere un alleato da non sottovalutare.
Inoltre, le forze armate russe hanno acquisito esperienza di combattimento preziosa e mostrato la loro abilità.
Oltre ad accrescere la reputazione all'estero della Russia, la fine della guerra siriana porrà fine al traffico jihadista dal Medio Oriente, che è visto come un pericolo significativo.
Per l'Iran, il progresso militare di al-Assad è importante quanto lo è per la Russia.
Per un paese con molti nemici, ogni successo è importante, sia esso politico o economico, ha spiegato Lundström.
Secondo lui, l'Iran è stato a lungo sotto assedio economico dagli Stati Uniti e le dittature sunnite del Golfo Persico nella Regione, considerando che le sanzioni economiche non hanno alcun vincitore finanziario e sono dannose per entrambe le parti.
Inoltre, le sanzioni politiche ed economiche possono promuovere la disperazione e il caos politico.
Al contrario, la politica estera e di successi militari rafforzano il sostegno popolare delle autorità.
La prospettiva di fermare la guerra siriana non è sicuramente una perdita per gli Stati Uniti.
Le guerre senza fine contro una pletora di governi in Medio Oriente sono costate miliardi di campagna di dollari in entrate fiscali - senza alcun beneficio per i media americani al di fuori del settore militare, che, al contrario, ha guadagnato miliardi di ordini di armi.
Nonostante il fatto che enormi profitti per il complesso militare-industriale hanno la tendenza a prolungare i conflitti, le guerre "senza senso" non possono essere confrontate con quelle "onorevoli". "La fine della guerra in Siria, potrebbe, insieme con la vittoria di Donald Trump nelle elezioni presidenziali degli Stati Uniti, avvicinare una vittoria degli Stati Uniti sulla propria sinistra dello 'Stato profondo'", ha affermato Carl Lundström.
Secondo Lundström, l'Europa dovrebbe anche essere considerato un grande vincitore, dal momento che la pace in Siria porterà inevitabilmente i flussi migratori nella direzione "giusta", con milioni di giovani provenienti dalla Siria in ultima analisi che possono tornare a casa e iniziare a ricostruire il loro paese.
Inoltre, la fine della guerra siriana può abbassare i flussi migratori verso l'Europa.
La pace in Siria renderà difficile per i " cacciatori di beneficio ", che fanno salire i rifugiati sul carro per giustificare il loro volo in Europa per salari migliori.
Infine, la caduta dei jihadisti 'migliorerà la fiducia generale del pubblico nei capi di stato.
Non importa chi si vota per, questo fornisce un sentimento di sicurezza e fiducia nel futuro, che è importante per tutti i paesi.
Tuttavia, i media occidentali invece hanno criticato aspramente il presidente siriano Bashar al-Assad per non consegnare il cibo e medicine per le tasche jihadiste di resistenza ad Aleppo, equiparando gli sforzi siriani, iraniani e russi congiunti per liberare la città più grande della Siria per il genocidio in Ruanda e simili.

Fonte:https://sputniknews.com/middleeast/201612151048592782-syria-aleppo-liberation/

Commenti