Passa ai contenuti principali

In primo piano

LA REVOCA DELL'IMMUNITA' A MARINE LE PEN AUMENTA LA SUA PROBABILITA' DI VITTORIA

Il Parlamento europeo ha messo a nudo il leader del Fronte Nazionale e deputato europeo Marine Le Pen della sua immunità parlamentare dopo una richiesta dai procuratori francesi.
I pubblici ministeri a Nanterre vogliono sporgere denuncia contro di lei per "la pubblicazione di immagini violente."
Le accuse portano una multa massima di 75.000 euro ($ 79.000) e una condanna a tre anni di carcere.
Le Pen ha solo condiviso le foto raccapriccianti di Daesh (ISIL / ISIS) mentre uccide con i suoi seguaci su Twitter a dicembre 2015.
"Daesh è QUESTO!" Le Pen ha twittato, insieme a foto grafiche delle esecuzioni di Daesh usate per illustrare il suo punto di vista.
Le tre foto hanno mostrato il corpo decapitato del giornalista James Foley e altri due prigionieri.
Le Pen in seguito ha cancellato le foto dopo una denuncia dai genitori di Foley, ma ha difeso le sue azioni, dicendo che non sapeva chi erano le vittime e che le foto erano facilmente reperibili su internet.
E …

LA NUOVA POLITICA ESTERA RUSSA PROTEGGERA' IL PAESE DALL'INFLUENZA INTERNAZIONALE AMERICANA

Vladimir Putin ha firmato una nuova dottrina di politica estera della Russia secondo la quale Mosca è pronta a dare a qualsiasi atto aggressivo da parte di Washington una risposta speculare o asimmetrica.

Il ruolo del "fattore di forza" in relazione alla Russia con altre nazioni è cresciuto, tuttavia questo non ha impedito al leader del Cremlino di dichiarare la prontezza della Russia a cooperare con gli USA, ma sempre in conformità al principio di uguaglianza, rispetto e non interferenza reciproci, scrive il Washington Free Bacon.
Nel testo della nuova linea di politica estera pubblicato su internet in lingua russa dichiara che la Russia si opporrà all'esercizio extraterritoriale di giurisdizione degli Stati Uniti e che prenderà misure punitive contro qualsiasi pressione militare, politica o economica provenienti da Washington. "La Russia non riconosce nessun espletamento extraterritoriale da parte degli Stati Uniti della propria giurisdizione nel quadro della legge internazionale, non accetta nessun tentativo di imporre pressione politica, economica o militare e si riserva il diritto di reagire duramente a qualsiasi azione ostile, tra le quali il rinforzamento della propria difesa nazionale e l'adozione di misure speculari e asimmetriche". Come scrive la testata, Vladimir Putin ha approvato una linea aggiornata di politica estera e nello stesso giorno ha annunciato la volontà di cooperare con la futura amministrazione del presidente eletto Donald Trump e dell'assenza di tentativi di confronto con altre nazioni.
Nella nuova politica adottata si specifica che la Russia sosterrà relazioni bilaterali e coopererà con gli Stati Uniti per la risoluzione dei problemi globali sulla base "del principio di uguaglianza, rispetto e non interferenza reciproci". Le relazioni tra la Russia e le altre potenze occidentali sono peggiorate negli ultimi due anni a causa del coinvolgimento di Mosca nei conflitti dell'Ucraina e della Siria, sostiene l'autore dell'articolo. Gli USA e l'UE hanno imposto delle sanzioni contro la Russia mentre la NATO ha inviato forze militari aggiuntive in Polonia e nei paesi baltici per contrastare l'aggressione russa. Nel nuovo documento l'incremento delle truppe NATO vicino ai confini russi e il sistema globale di difesa missilistica sono considerate minacce, sottolinea la testata. Inoltre, la nuova linea di politica estera ha rilevato che, l'accerchiamento strategico ha portato al fatto che il «fattore di potenza» ha cominciato a giocare un ruolo significativo nelle relazioni della Russia con gli altri paesi.
Anche se gli autori del documento ritengono la probabilità di un conflitto nucleare o di guerra su larga scala molto basso, essi prevedono che molti stati saranno sempre più coinvolti in conflitti regionali.
Come sottolinea il Washington Free Bacon, il presidente Putin ha firmato un aggiornamento della linea di politica estera nel momento in cui l'Ucraina ha iniziato le esercitazioni militari missilistiche nel mar Nero nei pressi della penisola della Crimea provocando proteste da Mosca e la minaccia "di rispondere con un attacco missilistico contro Kiev". Secondo la nuova politica estera adottata dalla Russia in relazione all'aggravamento delle contraddizioni e all'instabilità del sistema politico ed economico sta aumentando il ruolo del fattore di forza nelle relazioni internazionali.
"Costruzione e aumento della forza militare e di nuove armi minano la stabilità strategica e minacciano la sicurezza globale garantita dal sistema di accordi sul limite degli armamenti", recita il testo del documento.
Oltre a questo, la nuova linea di politica estera contiene dichiarazioni circa la posizione della Russia sulle questioni di politica estera, osserva l'autore. Mosca vuole creare una coalizione antiterrorismo contro lo Stato Islamico. Vladimir Putin ha anche sottolineato che Mosca è pronta a collaborare con gli USA per combattere il terrorismo, anche se i tentativi dell'amministrazione Obama, finalizzati alla collaborazione nel conflitto siriano, «hanno avuto l'effetto opposto».
Per quanto riguarda invece il conflitto Siriano nella nuova concezione la Russia continuerà ad ambire ad una risoluzione diplomatica "senza interferenze esterne". Tuttavia Mosca come alleato del "dittatore siriano Bashar Assad" è intervenuta militarmente in Siria per bombardare i terroristi dello Stato Islamico, intervento militare disturbato dai ribelli siriani sostenuti da Washington, ricorda la testata. Il nuovo documento infine dichiara che si continuerà a rafforzare le relazioni con la Cina e la sua posizione militare nella regione asiatica e nell'oceano Pacifico, zone considerate fondamentali per la propria politica estera. A ottobre è stato comunicato che la Russia e la Cina si sono unite per contrastare il sistema di difesa missilistica degli Stati Uniti, che entrambi i paesi considerano un rischio per il proprio territorio. Allo stesso tempo, i militari e gli esperti degli Stati Uniti vedono la Russia e la Cina come una minaccia emergente per gli interessi degli USA, con riferimento ai loro investimenti in campo militare e le nuove tecnologie.

Fonte:https://it.sputniknews.com/mondo/201612023722309-WFB-nuova-politica-permette-difesa-dalla-legge-internazionae-USA/

Commenti

Post più popolari