Passa ai contenuti principali

In primo piano

LA REVOCA DELL'IMMUNITA' A MARINE LE PEN AUMENTA LA SUA PROBABILITA' DI VITTORIA

Il Parlamento europeo ha messo a nudo il leader del Fronte Nazionale e deputato europeo Marine Le Pen della sua immunità parlamentare dopo una richiesta dai procuratori francesi.
I pubblici ministeri a Nanterre vogliono sporgere denuncia contro di lei per "la pubblicazione di immagini violente."
Le accuse portano una multa massima di 75.000 euro ($ 79.000) e una condanna a tre anni di carcere.
Le Pen ha solo condiviso le foto raccapriccianti di Daesh (ISIL / ISIS) mentre uccide con i suoi seguaci su Twitter a dicembre 2015.
"Daesh è QUESTO!" Le Pen ha twittato, insieme a foto grafiche delle esecuzioni di Daesh usate per illustrare il suo punto di vista.
Le tre foto hanno mostrato il corpo decapitato del giornalista James Foley e altri due prigionieri.
Le Pen in seguito ha cancellato le foto dopo una denuncia dai genitori di Foley, ma ha difeso le sue azioni, dicendo che non sapeva chi erano le vittime e che le foto erano facilmente reperibili su internet.
E …

PER GLI INGLESI L'UNIONE EUROPEA E' STORIA, CANZUK IL FUTURO


Non c'è dubbio che tempi pessimi attendono per l'Unione europea.
Dopo il voto storico di indipendenza Brexit del 23 giugno 2016, l'Unione Europea è stata lasciata nella propria situazione.
Non aveva solo ha perso uno dei suoi principali attori a sinistra del blocco dopo 43 anni, ma il panico si è diffuso a Bruxelles, chiedendosi se ci sarebbe stato un altro Stato membro per rivendicare l'indipendenza.
Negli ultimi mesi, l'intera struttura economica e politica dell'Europa è cambiata. Sempre più esperti stanno appoggiano i paesi a seguire le orme del Regno Unito e tenere i loro referendum per l'adesione all'UE, e le popolazioni di Francia, Paesi Bassi, Austria e Croazia stanno già spingendo la retorica anti-UE per la sovranità.
E ora, contro tutte le previsioni, il presidente eletto degli Stati Uniti, Donald Trump, ha assicurato il suo posto alla Casa Bianca per il gennaio 2017.
Trump non ha fatto segreto delle sue opinioni riguardanti l'UE, ed era favorevole al voto ambizioso del Regno Unito contro la politica anti-establishment e "l'elite di Bruxelles".
Non commettiamo errori, l'UE ha visto giorni migliori, e il 2017 potrebbe decidere il suo destino.
L'Olanda ospita le sue elezioni parlamentari il 15 marzo, e recenti sondaggi mostrano che Geert Wilders (il leader anti-UE del Partito della Libertà) è testa a testa con i liberali del primo ministro Mark Rutte.
Se Wilders tira fuori una vittoria elettorale, i Paesi Bassi amministreranno un voto "Nexit" sull'adesione all'UE, e voteranno propensi a lasciare.
In Francia, gli elettori hanno notevolmente aumentato il supporto per il Fronte nazionale anti-UE, e con il secondo turno delle elezioni presidenziali in arrivo il 7 maggio, Marine Le Pen avrà un'apertura di prendere la corsa, soprattutto se si considera che l'attuale presidente, Francois Hollande , è il presidente più impopolare della storia francese.
E anche i grandi giocatori d'Europa stanno stringendo i denti contro gli incompetenti politici europei.
La Germania ha votato contro il suo Cancelliere attuale, Angela Merkel, in una serie di elezioni regionali dopo una politica dei rifugiati porta aperta (omologati dall'Unione Europea) che ha causato disordini nelle principali città.
Le elezioni federali sono in arrivo in autunno 2017, e come ha dichiarato Frank Petry (co-leader del Alternative per la Germania del partito):
"... Proprio come gli americani non credevano i sondaggisti dei media mainstream, i tedeschi devono anche avere il coraggio di fare il loro segno presso le urne per se stessi".
Naturalmente, nessuno va definitivamente dicendo che l'Unione europea crollerà nei prossimi anni, ma non è un'argomento fuori questione.
Con i disordini civili e l'insoddisfazione del pubblico in aumento con il progetto UE, vi è la possibilità che il blocco di 28 Paesi sia assegnato ai libri di storia.
Dopo tutto, chi avrebbe mai pensato, 5 anni fa, che entro gennaio 2017, il Regno Unito avrebbe votato a lasciare l'UE e Donald Trump sarebbe presidente degli Stati Uniti?
Se c'è qualcosa che abbiamo imparato, è che nulla in politica è impossibile.
Se abbastanza persone sostengono una causa per le giuste ragioni, il cambiamento è solo grazie al voto popolare, e purtroppo per l'UE, potrebbe trovarsi sul lato sbagliato del declino a grande sostegno del pubblico.
Ma se lo scenario peggiore dovesse accadere, il Regno Unito non deve preoccuparsi, perché un'alternativa ancora migliore è proprio dietro l'angolo; una unione tra il Canada, l'Australia, la Nuova Zelanda e il Regno Unito, comunemente nota come "CANZUK".
Questa alternativa potrebbe comprendere gli ideali di libera circolazione (consentendo ai cittadini di risiedere temporaneamente o definitivamente in una di queste nazioni per un certo periodo di tempo), senza l'ordine del giorno federalista come si è visto nella UE che impone scelte politiche, economiche e militari centrali.
I cittadini britannici avranno la possibilità di vivere, lavorare e studiare in Australia, Canada e Nuova Zelanda senza i requisiti di visti o permessi di lavoro, e per di più, la libera circolazione porterebbe a una unione più prospera e fiorente delle nazioni.
Da USD $ 6.5 miliardi di dollari di PIL combinato, un'unione CANZUK formerebbe il quarto più grande gruppo al mondo (dopo gli Stati Uniti, l'UE e la Cina).
Il commercio totale globale per questi quattro paesi sarebbe di circa di US $ 3,5 miliardi di dollari, e le spese militari combinate varrebbero la pena di US $ 110 miliardi (terzo posto nel mondo).
In sostanza, le quattro nazioni diventerebbero parte del sindacato più politicamente ed economicamente progressivo nel mondo, avanzando l'innovazione, il commercio, la crescita e la diplomazia per una maggiore prosperità e una maggiore qualità della vita.
In tempi in cui l'attuale sistemazione del Regno Unito con l'UE sta diminuendo, il ritorno al Commonwealth che una volta era prospero è solo agli inizi.
Boris Johnson e Julie Bishop (ministro australiano degli affari esteri) hanno già espresso interesse per la liberalizzazione dei visti tra i due paesi, e con l'ex primo ministro australiano, Tony Abbott, che ha dichiarato il supporto per la libera circolazione e la loro petizione online ha già incontrato oltre 169.000 firme (e in aumento), sembra che una unione CANZUK è più vicina che mai.
Nessuno sa veramente se l'UE porterà avanti o cadrà sotto una crescente insoddisfazione dell'opinione pubblica, ma in entrambi i casi, il futuro per la Gran Bretagna è luminoso.
Se abbiamo anticipato gli argomenti per una unione CANZUK, soprattutto nel clima politico attuale, non vi è alcun motivo per cui la libera circolazione le quattro nazioni non può avere successo.
Da un grande progetto politico per il futuro l'Unione europea è storia, ma CANZUK è il futuro per i britannici.

Fonte:http://www.dailyglobe.co.uk/comment/brexit-canzuk-union-new-alternative-uk/

Commenti

Post più popolari