Passa ai contenuti principali

In primo piano

LA REVOCA DELL'IMMUNITA' A MARINE LE PEN AUMENTA LA SUA PROBABILITA' DI VITTORIA

Il Parlamento europeo ha messo a nudo il leader del Fronte Nazionale e deputato europeo Marine Le Pen della sua immunità parlamentare dopo una richiesta dai procuratori francesi.
I pubblici ministeri a Nanterre vogliono sporgere denuncia contro di lei per "la pubblicazione di immagini violente."
Le accuse portano una multa massima di 75.000 euro ($ 79.000) e una condanna a tre anni di carcere.
Le Pen ha solo condiviso le foto raccapriccianti di Daesh (ISIL / ISIS) mentre uccide con i suoi seguaci su Twitter a dicembre 2015.
"Daesh è QUESTO!" Le Pen ha twittato, insieme a foto grafiche delle esecuzioni di Daesh usate per illustrare il suo punto di vista.
Le tre foto hanno mostrato il corpo decapitato del giornalista James Foley e altri due prigionieri.
Le Pen in seguito ha cancellato le foto dopo una denuncia dai genitori di Foley, ma ha difeso le sue azioni, dicendo che non sapeva chi erano le vittime e che le foto erano facilmente reperibili su internet.
E …

LE BANCHE RIFIUTANO DI COLLABORARE CON LA POLITICA MARINE LE PEN




Venti milioni di euro: è questa la cifra di cui necessita la leader del Front National, Marine le Pen per finanziare la sua campagna elettorale in vista delle prossime presidenziali francesi. Così Le Pen ha bussato alle banche, che le hanno sbattuto la porta in faccia.
A raccontarlo la stessa leader del movimento antieuropeo e anti-immigrazione parlando alla tv France 2, indicando nel secco rifiuto degli istituti di credito d’Oltralpe di finanziare la sua campagna presidenziale un problema reale per la democrazia.
“Il fatto che le banche non si prestino a noi giocando un ruolo politico pone un problema reale per la democrazia. Sono le banche che decidono chi può correre alle elezioni e chi non può”.
In Francia ai candidati vengono forniti fondi pubblici a patto che ottengano almeno il 5 per cento dei voti. In genere è prassi che si prendano in prestito dei soldi per campagna con l’idea di usare poi gli aiuti pubblici per rimborsare il prestito dopo il voto. I sondaggi oggi danno il partito di Marine Le Pen vittorioso con almeno il 20% dei voti.
Nonostante ciò le banche francesi si sono rifiutate di incontrare la leader del Front National spingendola così a cercare altrove investitori, stando a quanto riporta un articolo di Bloomberg. [...]
“Per il momento non è stato accordato nessun prestito (…) ho inviato richieste a 45 banche in tutto il mondo, anche in Russia”.
Queste le parole di Marine Le Pen che non ha mai nascosto la sua simpatia per Putin.

Fonte:http://www.imolaoggi.it/2017/01/10/le-banche-rifiutano-di-finanziare-la-campagna-di-marine-le-pen/

Commenti