Passa ai contenuti principali

In primo piano

LA REVOCA DELL'IMMUNITA' A MARINE LE PEN AUMENTA LA SUA PROBABILITA' DI VITTORIA

Il Parlamento europeo ha messo a nudo il leader del Fronte Nazionale e deputato europeo Marine Le Pen della sua immunità parlamentare dopo una richiesta dai procuratori francesi.
I pubblici ministeri a Nanterre vogliono sporgere denuncia contro di lei per "la pubblicazione di immagini violente."
Le accuse portano una multa massima di 75.000 euro ($ 79.000) e una condanna a tre anni di carcere.
Le Pen ha solo condiviso le foto raccapriccianti di Daesh (ISIL / ISIS) mentre uccide con i suoi seguaci su Twitter a dicembre 2015.
"Daesh è QUESTO!" Le Pen ha twittato, insieme a foto grafiche delle esecuzioni di Daesh usate per illustrare il suo punto di vista.
Le tre foto hanno mostrato il corpo decapitato del giornalista James Foley e altri due prigionieri.
Le Pen in seguito ha cancellato le foto dopo una denuncia dai genitori di Foley, ma ha difeso le sue azioni, dicendo che non sapeva chi erano le vittime e che le foto erano facilmente reperibili su internet.
E …

GLI STATI UNITI MANDANO NAVI DA GUERRA NEL MAR CINESE MERIDIONALE


L'operazione è venuta pochi giorni dopo che il ministero degli Esteri cinese ha messo in guardia Washington contro azioni che minano la sovranità della Cina nella regione.
"Esortiamo gli Stati Uniti a non prendere alcuna azione che sfidi la sovranità e la sicurezza della Cina", ha dichiarato Geng Shuang, portavoce del ministero degli Esteri cinese, nel corso di una conferenza stampa.
A sua volta, il nuovo segretario di Stato americano Rex Tillerson, anche prima di assumere l'incarico ha detto che gli Stati membri devono inviare alla Cina un "segnale chiaro" circa l'inammissibilità delle sue azioni sulle isole contese nel Mar Cinese Meridionale.
In particolare, la costruzione di isole artificiali da parte della Cina, così come le affermazioni di Pechino per quasi tutti i territori ricchi di risorse nella regione come illegali.
Cina e altri paesi, in particolare in Giappone, il Vietnam e le Filippine, hanno a lungo avuto dispute sui confini marittimi nel Mar Cinese Meridionale.
Ora Pechino ritiene che le Filippine e il Vietnam hanno usato deliberatamente il sostegno degli Stati Uniti per l'escalation delle tensioni nella regione.
Secondo i cinesi media statali, i funzionari di Pechino hanno annunciato l'intenzione di rivedere una legge di 34 anni fa sulla sicurezza marittima che permetterebbe le autorità competenti a "a far navigare alcune navi straniere di passaggio attraverso le acque territoriali cinesi".
Cina e Stati Uniti hanno mantenuto le tensioni costanti sulle navi americane in transito sul Mar Cinese Meridionale sotto le pattuglie con la bandiera della "libertà di navigazione" e la nuova legge potrebbe fornire alla Cinala potenza di fuoco legale per limitare l'accesso alle acque che sono proprie.


Fonte:https://sputniknews.com/asia/201702191050844675-us-patrol-china-sea/

Commenti

Post più popolari