Passa ai contenuti principali

In primo piano

LA REVOCA DELL'IMMUNITA' A MARINE LE PEN AUMENTA LA SUA PROBABILITA' DI VITTORIA

Il Parlamento europeo ha messo a nudo il leader del Fronte Nazionale e deputato europeo Marine Le Pen della sua immunità parlamentare dopo una richiesta dai procuratori francesi.
I pubblici ministeri a Nanterre vogliono sporgere denuncia contro di lei per "la pubblicazione di immagini violente."
Le accuse portano una multa massima di 75.000 euro ($ 79.000) e una condanna a tre anni di carcere.
Le Pen ha solo condiviso le foto raccapriccianti di Daesh (ISIL / ISIS) mentre uccide con i suoi seguaci su Twitter a dicembre 2015.
"Daesh è QUESTO!" Le Pen ha twittato, insieme a foto grafiche delle esecuzioni di Daesh usate per illustrare il suo punto di vista.
Le tre foto hanno mostrato il corpo decapitato del giornalista James Foley e altri due prigionieri.
Le Pen in seguito ha cancellato le foto dopo una denuncia dai genitori di Foley, ma ha difeso le sue azioni, dicendo che non sapeva chi erano le vittime e che le foto erano facilmente reperibili su internet.
E …

SI' ALLA BREXIT GIA' STASERA


LONDRA - La premier del Regno Unito, Theresa May, riferisce il Financial Times, con ogni probabilita' otterra' già stasera l'autorizzazione della Camera dei Comuni all'invocazione della clausola di uscita dall'Unione Europea, l'articolo 50 del Trattato di Lisbona, con una accelerazione addirittura di 24 ore rispetto la pur stringente tabella di marcia stabilita per la votazione sulla Brexit ordinata dalla Corte Suprema britannica . Il dibattito parlamentare e' iniziato ieri, introdotto dal segretario per l'Uscita dall'Ue, David Davis, che ha detto: ''Siamo davanti a una domanda molto semplice: ci fidiamo del popolo o no?''. Il governo e' fiducioso che la risposta sara' ''si''' e punta all'approvazione anche alla Camera dei Lord entro il 7 marzo, per la notifica di uscita dalla Ue al vertice europeo in programma due giorni dopo. La questione del voto e' un dilemma personale per molti deputati laburisti. La politica europea, dopo aver prodotto dibattiti tra i conservatori, ora divide pericolosamente il Labour, principale forza di opposizione. La posizione del leader, Jeremy Corbyn, e' di rispettare il risultato del referendum, ma una trentina di parlamentari potrebbero ribellarsi. Keir Starmer, segretario ombra per la Brexit, ha ammesso che e' un voto molto difficile: due terzi dei membri laboristi dell'assemblea rappresentano collegi che hanno votato ''Leave'', mentre un terzo rappresenta collegi che hanno votato ''Remain''. Il voto dei Tory, invece, dovrebbe essere compatto, ma in ogni caso i Conservatori non hanno bisogno dei voti dei parlamentari laburisti per approvare questa legge che dà il via alla Brexit: hanno già la maggioranza alla Camera dei Comuni.

Fonte:http://www.ilnord.it/i-5314_SI_ALLA_BREXIT_GIA_STASERA

Commenti

Post più popolari