Passa ai contenuti principali

In primo piano

LA REVOCA DELL'IMMUNITA' A MARINE LE PEN AUMENTA LA SUA PROBABILITA' DI VITTORIA

Il Parlamento europeo ha messo a nudo il leader del Fronte Nazionale e deputato europeo Marine Le Pen della sua immunità parlamentare dopo una richiesta dai procuratori francesi.
I pubblici ministeri a Nanterre vogliono sporgere denuncia contro di lei per "la pubblicazione di immagini violente."
Le accuse portano una multa massima di 75.000 euro ($ 79.000) e una condanna a tre anni di carcere.
Le Pen ha solo condiviso le foto raccapriccianti di Daesh (ISIL / ISIS) mentre uccide con i suoi seguaci su Twitter a dicembre 2015.
"Daesh è QUESTO!" Le Pen ha twittato, insieme a foto grafiche delle esecuzioni di Daesh usate per illustrare il suo punto di vista.
Le tre foto hanno mostrato il corpo decapitato del giornalista James Foley e altri due prigionieri.
Le Pen in seguito ha cancellato le foto dopo una denuncia dai genitori di Foley, ma ha difeso le sue azioni, dicendo che non sapeva chi erano le vittime e che le foto erano facilmente reperibili su internet.
E …

UN MISTERIOSO SISTEMA ANTI-MISSILE DIFENDERA' I CIELI DI MOSCA


Taghiev non ha fatto dichiarazioni esplicite riguardo un particolare sistema di difesa antimissilistica, ma si può supporre che si tratta del promettente sistema sviluppo antimissile "Nudol" Mosca A-235, che presto dovrebbe sostituire gli "Amur" A-135.
Il colonnello ha riferito di test di lancio periodici di missili già dotati di armamenti sul campo di Saraj Shagan, per la verifica delle caratteristiche tattiche e tecniche, probabilmente, di missili a corto raggio 53Т6 utilizzati sugli "Amur" e di esercitazioni per un nuovo sviluppo del progetto "Almaz-Antey". In verità vige una completa segretezza riguardo tutti gli elementi esistenti di sviluppo antimissile e questo non è chiaro: sarà un razzo assolutamente nuovo o una modifica del 53Т6?
La versione modificata la chiamano proprio "successore" 53Т6, ma la modifica di un vecchio razzo, necessita, in effetti, di un nuovo sviluppo, soprattutto per quanto riguarda il contenuto tecnologico del progetto. La produzione dei 53Т6 è stata interrotta e tutte le sue attrezzature e disegni sono stati distrutti negli anni 90, dunque la produzione di razzi è dovuta ripartire praticamente da zero.
Taghiev ha definito unico questo promettente razzo, senza analoghi al mondo, ma bluffa un pò, quando dice che l'unica caratteristica segreta del un nuovo missile è la velocità, pari a 3 km/s, cioè più di 8M.
Le caratteristiche del vecchio razzo erano segrete e per questo contengono molte arbitrarietà: il valore minimo di velocità iniziava da 3,6 km/s e terminava con un livello di valori al limite della follia: 14M. In questo modo, possiamo solo supporre che il nuovo missile, che arbitrariamente chiameremo 53Т6М, dovrebbe superare il vecchio in almeno un paio di potenzialità.
È noto, inoltre, che il 53Т6М è dotato di testata cinetica, cioè è capace di distruggere un missile durante uno scontro diretto. Ciò significa, in primo luogo, che ha una maggiore precisione di guida grazie a un sistema di controllo più evoluto. In secondo luogo, durante le manovre a velocità elevate, il razzo è capace di sopportare un enorme sovraccarico.
La maggior parte delle caratteristiche 53Т6М hanno carattere valutativo.
L'altezza a cui il missile è in grado di intercettare l'obiettivo è 30 km, la distanza di lancio arriva fino a 100 km. Il suo massimo di sovraccarico è 210 g longitudinali, 90 g trasversali. La massa del razzo armato di motore solido a reazione si avvicina alle 10 tonnellate. Questa massa, con il combustibile, raggiunge il 75% della massa di partenza del razzo.
Bisogna ricordare che le due precedenti modifiche dei sistemi antimissilistici Mosca, A-35 e A-135, sono piuttosto spaventose: non solo per il missile balistico intercontinentale, che però hanno dovuto eliminare. Per garantire l'annientamento dei missili, che rappresentano una minaccia nella regione di Mosca, in essi vengono utilizzati testate nucleari da combattimento. Nei missili E-35 la carica aveva una capacità di 2 Mt, mentre gli E-135 erano in grado di abbattere fino a 20 ct. grazie all'utilizzo di un potente flusso di neutroni, capaci di neutralizzare le carica dei missili in fase d'attacco. Ora la potenza è stata ridotta a 10 ct.
L'attuale sistema E-135, che presto sarà sostituito dal E-235, è stato messo in servizio nel 1995. I suoi sviluppatori progettisti sono stati la Vympel e l'Istituto di ricerca di costruzione di strumenti radio.
Gli A135 sono composti da:

• radar di rilevamento Don-2N, unico nelle sue caratteristiche. Nel corso della collaborazione russo-americana negli anni duemila, solo questo radar poteva individuare la traiettoria di un oggetto spaziale del diametro di 5 cm ad una distanza di 2000 km;

• due tipi di missili intercettori di base mineraria: di media ed estrema intercettazione;

• 7 complessi di fuoco;

• centro di comando e calcolo con l'elaboratore elettronico Elbrus-2.

Naturalmente, gli A-135 non possono respingere tutte le risorse dei missili balistici intercontinentali a disposizione degli Stati Uniti. Tuttavia, la sua potenza è cresciuta notevolmente rispetto agli E-35, garantendo l'intercettazione sincrono di due sottomarini strategici americani, ciascuno dei quali armato di 16 missili, con 3 testate nucleari.
Il missile a lungo raggio 51Т6 è costruito con uno schema combinato: il primo stadio solido, nel secondo vengono utilizzati razzi a propellente liquido.
L'area interessata va in altezza da 70 km a 670 km. I dati sulla distanza sono contraddittori: i minimi sono pari a 130 km, i futuri, secondo varie fonti, andranno da 350 km a 850 km. Questi missili sono stati in servizio fino al 2006, dopo di che, è iniziato il loro smantellamento.
Ora il cielo della regione di Mosca custodisce un missile a corto raggio 53Т6, un razzo che ha il record mondiale di saturazione energetica. Il capo costruttore dello sviluppo, A. Basistov, dopo la fine delle esercitazioni statali, ha detto che la capacità di questi missili è significativamente più alta di quanto non si creda: "il sistema ha mostrato notevoli risorse su tutti i parametri. La velocità antimissilistica dei 53Т6 può realizzare l'annientamento di obiettivi balistici a lungo raggio 2,5 volte più grandi e ad altitudini 3 volte superiori di quelle che noi oggi abbiamo certificato. Il sistema è pronto ad eseguire i suoi compiti con satelliti a bassa orbita e altre attività".
Per la progettazione degli E-235 gran parte dell'attrezzatura ha subito una profonda riqualificazione. Questo lo hanno cominciato a realizzare nell'ultimo decennio. Negli ultimi anni, la distanza d'azione e risoluzione sono migliorate di due volte. È notevolmente aumentata la potenza di calcolo del centro di comando.
Al posto dell'ormai arcaico Elbrus-2 ci sarà il moderno calcolatore elettronico Elbrus-3M, per un nuovo elemento base. Sono stati sviluppati nuovi e più sofisticati algoritmi di individuazione degli obiettivi, per individuare e prevedere la traiettoria di volo.
Ora in servizio ci sono gli 53Т6 e li completano i nuovi missili a lungo raggio. Appare migliorata anche la versione dell'antimissile a corto raggio, di cui ha riferito il colonnello Taghiev. E in un futuro poco lontano dovrebbe apparire anche l'antimissile a medio raggio, di cui non si sa assolutamente nulla.
Il missile a lungo raggio è un mezzo del settore antimissilistico, l'avviamento di lancio è avvenuto nel 2014 al poligono di Plesetsk. Secondo un rapporto del Ministero della difesa americana, nel mese di maggio 2015, il razzo ha colpito con successo l'obiettivo satellite. Le informazioni a disposizione dicono che la portata di questo razzo può raggiungere i 1500 km, e il punto più alto della traiettoria è di 750 km.
Nel sistema di difesa antimissilistica di nuova generazione non sono presenti le testate nucleari. Le componenti da combattimento sono ad azione cinetica o esplosiva. L' importante è che se prima gli antimissile erano composti da una base mineraria di partenza, ora sono mobili, con carrello a ruote. Quindi c'è la possibilità che il nuovo sistema di armi sarà capace di proteggere non solo Mosca e dintorni.


Fonte:https://it.sputniknews.com/mondo/201702214105183-sistema-antimissile-coprira-cielo-di-mosca/

Commenti